Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

Rivoluzione Pir

07/03/2017

pirCon la legge di Bilancio 2017, e dopo un lungo lavoro propedeutico di Assogestioni, sono stati lanciati in Italia i Piani Individuali di Risparmio, che rappresentano senza dubbio la novità più attesa sia nel mondo delle imprese sia nel settore del risparmio gestito.

Rifacendosi alle esperienze di Francia, dove esistono i Plan d’Epargne en Actions (Pea), del Regno Unito dove sono attivi da tempo gli Individual Savings Accounts (Isa) e degli Usa, dove i 401K sono da tempo una realtà consolidata, i Pir sono stati calibrati come strumenti a lungo termine che hanno principalmente l’obiettivo di orientare gli investimenti delle famiglie (che ammontano a circa 3 trilioni di euro) a sostegno della piccola e media impresa italiana, offrendo uno stimolo all’economia reale del paese, che senza una reazione significativa di questa tipologia di aziende rischia di continuare a crescere in maniera asfittica.

Secondo quanto previsto dalla legge di Stabilità 2017 i Pir sono dei contenitori che possono ospitare praticamente quasi tutti gli strumenti finanziari (azioni, obbligazioni, quote di fondi, derivati e anche liquidità). Rivolti esclusivamente alle persone fisiche, sono individuali e non sono ripetibili. Ciò significa che un singolo Pir non può essere sottoscritto da un’azienda, non è cointestabile e ne può essere sottoscritto solo uno a testa nella vita. I Pir non hanno una durata minima e massima, possono essere anche per tutta la vita. La legge però prevede un vincolo temporale minimo di 5 anni per garantire delle importanti agevolazioni fiscali.

I Pir offrono infatti un vantaggio fiscale sugli utili: in pratica, non si devono pagare le imposte su capital gain e rendimenti (12,5% sulle cedole e utili relativi a titoli di Stato e 26% su azioni e obbligazioni). Se al termine dei 5 anni dell’investimento non ci saranno utili, ma perdite, il risparmiatore dovrà rispettare le regole generali dei fondi per il credito di imposta.

I Pir prevedono un investimento massimo di 30 mila euro l’anno e il limite in 5 anni è fissato a 150 mila euro e hanno vincoli stringenti di investimento che premiano le piccole e medie imprese, ma lasciano la possibilità di impiegare almeno il 30% del portafoglio in qualsiasi strumento, compresi depositi e conti correnti in modo da avere una buona decorrelazione. In particolare: almeno il 70% del valore complessivo dei Pir deve essere investito in strumenti finanziari emessi o stipulati da imprese residenti in Italia o in Stati membri dell’Unione europea o in stati aderenti allo spazio economico europeo aventi attività stabile in Italia.

Di questo 70% almeno il 30% deve essere investito in strumenti finanziari emessi da imprese diverse da quelle inserite nell’indice FTSE Mib di Borsa italiana o in indici equivalenti di altri mercati regolamentati. La liquidità può arrivare al massimo al 30% per almeno i due terzi di ogni anno solare e il peso di un singolo emittente non può superare il 10% del portafoglio, liquidità in conto corrente compresa.

Vista l’importanza di questi strumenti, che ripetiamo, dovrebbero aiutare a favorire la crescita non solo delle imprese, ma dell’intero sistema-paese, nelle ultime settimane molte case di gestione hanno lanciato i loro strumenti Pir compliant e il mercato sembra aver reagito positivamente a questa iniziativa, veicolando abbastanza celermente ingenti patrimoni su questi strumenti.

A cura di: Massimiliano D'Amico
Parole chiave: Pir, assogestioni, fondi
Come valuti questa notizia?
Rivoluzione Pir Valutazione: 3/5
(basata su 1 voti)
« Notizia precedente
Quale è il paese europeo che distribuisce più dividendi?
Notizia successiva »
Duration bassa in Usd e sterline
ARTICOLI CORRELATI
Multi-asset, gli errori da evitare pubblicato il 7 giugno 2017
Le nuove sfide dei Fondi di fondi pubblicato il 17 febbraio 2017
Fondi auriferi, più ombre che luci pubblicato il 25 settembre 2017
Assogestioni, la fotografia di chi investe in fondi pubblicato il 30 maggio 2017
Usa e Germania, i preferiti dai fondi sovrani pubblicato il 3 luglio 2017