Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Cinque supertrend che segneranno il futuro

27/06/2017

Cinque supertrend che segneranno il futuro

L’ascesa del populismo in un mondo multipolare. Nuovi investimenti in infrastrutture. La tecnologia al servizio dell’umanità. La demografia. Il valore dei millennials. Cinque trend che nascondono opportunità d’investimento

In un mercato in cui i flussi di notizie spingono gli investitori a cambiare direzione sempre più spesso (basti pensare all’inversione di rotta sulle formule proposte da Trump: gli investitori sono passati dall’accettazione tacita e positiva di tutte le riforme a esprimere seri dubbi sulla loro fattibilità), la ricerca di trend che possano delineare quale sarà lo scenario di lungo termine è diventata una specie di ossessione per le banche d’investimento. Di seguito analizziamo i cinque trend delineati dal team di Credit Suisse.

L’ascesa del populismo in un mondo multipolare

L’ascesa del populismo nella politica dei paesi industrializzati si è trasformata in una tendenza ben definita su entrambe le sponde settentrionali dell’Atlantico durante gli ultimi anni. Il mix di politiche improntate all’austerità e di politica monetaria ultra-espansiva hanno danneggiato non poco le classi medie in Occidente. Queste classi medie hanno accumulato uno stato di profonda frustrazione dinanzi all’incapacità dell’establishment di proporre delle soluzioni valide per risolvere problemi come l’immigrazione e il terrorismo. Il team crede che nei prossimi anni il focus politico si concentrerà su questi temi e che potremmo assistere a un incrementi della spesa pubblica in sicurezza e difesa. Questi settori, che già hanno corso molto da quando Donald Trump è stato eletto presidente Usa, potrebbe trarre enormi benefici dallo scenario descritto.

Nuovi investimenti in infrastrutture

Dopo anni caratterizzati dal dominio incontrastato di una politica monetaria ultra-espansiva, il focus, almeno negli Stati Uniti, si è spostato sulla politica fiscale. Donald Trump ha annunciato elevati investimenti in infrastrutture per i prossimi anni. Il piano, se realizzato, potrebbe generare concrete opportunità per gli investitori. La spesa per infrastrutture determina abitualmente la creazione di nuovi posti di lavoro e rappresenta un moltiplicatore economico in grado di aumentare la produttività. La presenza di tassi d’interesse molto bassi in molte aree del pianeta è lo scenario ideale per finanziare questo tipo di progetti. Secondo il team, le tre aree d’interesse per l’investitore sono: trasporti, infrastrutture legate al business dell’acqua ed energia.

La tecnologia al servizio dell’umanità

Durante gli ultimi anni la tecnologia è stata vista come una minaccia per la classe operaia. La digitalizzazione è arrivata per restare e i grandi vincitori saranno le società che offriranno soluzioni digitali alle imprese per aumentare le vendite e i margini operativi.

La demografia

I principali problemi demografici che affronta il mondo sviluppato si concentrano sul basso tasso di natalità e sull’invecchiamento della popolazione, in particolare nel Vecchio Continente e in Giappone. Per il 2050 si stima che la popolazione con più di 60 anni raggiungerà i 2.100 mln di persone, rispetto ai 900 mln registrati nel 2015. E nel 2020 il potere d’acquisto di questo gruppo di persone sarà prevalente rispetto a quello degli altri gruppi. Aree di business come quelle legate agli stili di vita e ai consumi senior saranno in grado di offrire grandi opportunità d’investimento.

Il valore dei millennials

Se nei paesi sviluppati il problema demografico è l’invecchiamento della popolazione, nel resto del mondo la situazione è molto diversa. Il 50% della popolazione mondiale ha meno di 30 anni e i valori di questa generazione si trasformeranno nella norma. La generazione dei millennials –che ha tra i 19 e i 35 anni- è una delle più numerose della storia dell’umanità e lo studio delle sue inquietudini e i potenziali riflessi sugli investimenti ha sperimentato un vero e proprio boom. Gli investimenti sostenibili, le energie pulite, l’impatto degli investimenti, i processi di digitalizzazione, la salute, l’ozio, sono i temi che potrebbero offrire le migliori opportunità.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: trend, futuro, investimenti, demografia
Come valuti questa notizia?
Cinque supertrend che segneranno il futuro Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Italia, il vero rischio è qui
Notizia successiva »
Cresce la fiducia dei consumatori
ARTICOLI CORRELATI
Presentazione di 8a+ Investimenti SGR pubblicato il 9 luglio 2018
Il boom degli investimenti in case vacanza pubblicato il 9 agosto 2018
Due view sul futuro di Wall Street pubblicato il 18 luglio 2018
Un futuro incerto per il Bel Paese pubblicato il 3 luglio 2018
Un futuro meno costoso per l’energia alternativa pubblicato il 12 giugno 2018