Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Crescita robusta per l'Eurozona

30/06/2017

Crescita robusta per l'EurozonaL'economia dell'Eurozona sta emergendo come una nota positiva nel quadro della crescita globale nel 2017, grazie a dati economici in uscita migliori delle aspettative, mentre le preoccupazioni legate all'incertezza politica, alla luce degli ultimi risultati elettorali, si sono rivelate a conti fatti eccessive. 

Come evidenziato nell'ultimo report FocusEconomics Consensus Forecast Euroarea elaborato da FocusEconomics, i dati definitivi sul prodotto interno lordo rivelano che l'economia della regione è cresciuta nel primo trimestre dello 0,6% rispetto al trimestre precedente, la performance migliore degli ultimi due anni, mentre la ripresa si sta estendendo a tutta l'area.

Il settore delle esportazioni ha dato un importante contributo alla crescita, mentre il robusto andamento dei consumi privati conferma che l'economia domestica gode di buona salute, grazie al supporto di un mercato del lavoro in miglioramento, condizioni di finanziamento meno stringenti e politiche fiscali più flessibili.

I dati preliminari per il secondo trimestre suggeriscono che l'economia sta proseguendo su un sentiero di crescita solida. L'indice Pmi composito si appresta a chiudere il miglior quarto da sei anni a questa parte, mentre il tasso di disoccupazione ha registrato un calo importante nel mese di aprile. Il sentiment economico è vicino ai massimi degli ultimi anni, e le condizioni finanziarie rimangono estremamente accomodanti.

Inoltre, con il dissiparsi dell'incertezza politica in diversi paesi della regione, dovrebbero riprendere vigore i flussi degli investimenti verso l'Eurozona. Nel mese di giugno si è chiuso il secondo riesame dell'ultimo salvataggio della Grecia, che ha sbloccato i fondi per il paese e prevenuto la possibilità di un eventuale default durante l'estate. In Francia il partito del neo-presidente Emmanuel Macron ha conquistato una larga maggioranza alle elezioni legislative, garantendo a Macron un mandato forte per proseguire sul sentiero delle riforme economiche.  L'ondata di populismo sembra in declino in tutta la regione, mentre la Cdu di Angela Merkel insieme alla alleata Csu, sono in deciso vantaggio negli exit-poll per le prossime elezioni in Germania.

Nonostante l'incertezza politica stia diminuendo, va comunque detto che l'Eurozona non è ancora completamente fuori pericolo. In Olanda le elezioni tenutesi lo scorso marzo hanno determinato una situazione politica di stallo, tanto che a oggi non è ancora stato formato un nuovo governo. L'Italia è in una situazione piuttosto ingarbugliata a seguito della bocciatura da parte del Parlamento della nuova legge elettorale, che avrebbe potuto portare presto i cittadini italiani al voto. In Spagna, nonostante l'economia sia in forte ripresa, stanno aumentando le tensioni tra il governo centrale e la regione catalana, che sta pianificando di indire un referendum per l'indipendenza il prossimo ottobre.

Nel complesso il panel di analisti interpellato da FocusEconomics questo mese ha rivisto al rialzo l'outlook sull'Eurozona, alzando diello 0,1% le previsioni di crescita del Pil rispetto alla rilevazione del mese precedente. A questo miglioramento delle aspettative hanno contribuito in maniera determinante gli ottimi dati sul Pil del primo trimestre e il ridimensionamento dei rischi politici. Gli analisti prevedono ora che l'economia dell'Eurozona crescerà a un passo solido dell'1,8% nel 2017 e dell'1,7% nel 2018.

A cura di: Paola Sacerdote
Parole chiave: eurozona, crescita, pil, economia
Come valuti questa notizia?
Crescita robusta per l'Eurozona Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Banche centrali, abbaiano ma non mordono
Notizia successiva »
Aspettando il rimbalzo del petrolio
ARTICOLI CORRELATI
Banche e privati a supporto dei Btp? pubblicato il 10 settembre 2018
I veri vincitori della globalizzazione pubblicato il 19 luglio 2018
Dollaro, le ragioni degli scettici pubblicato il 2 luglio 2018
Italia, banco di prova per l’eurozona pubblicato il 7 giugno 2018
Un mondiale neutrale per l’equity russo pubblicato il 25 giugno 2018