Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Dieci rischi da cui guardarsi

30/01/2018

Dieci rischi da cui guardarsi

Il team di Natixis IM conferma un outlook relativamente ottimistico per il 2018, tuttavia, a beneficio di una view bilanciata, ritiene sia necessario sottolineare alcuni rischi che potrebbero presentarsi agli investitori nel corso dell’anno

Tutto è consensus. Sono molto poche le view (incluse le nostre) che divergono dal consensus - per quanto tempo ancora avremo ragione? Se il mercato è compiacente, cosa accadrà quando si sveglierà?

 La crescita vacilla. L’elemento principale che sostiene il rally dei mercati (soprattutto quelli azionari) è la convinzione di un proseguimento di una crescita solida e globale. Cosa potrebbe accadere se si iniziassero a vedere spaccature nelle prospettive di crescita o se una delle regioni economiche più grandi dovesse iniziare a vacillare?  

Stretta delle banche centrali. Certo, il mercato è a conoscenza del fatto che le banche centrali possono rimuovere gli stimoli nello stesso momento. Ma se le banche centrali dovessero spostarsi verso un atteggiamento più aggressivo prima di quanto atteso, i mercati potrebbero spaventarsi. E se la BCE dovesse uscire dalle obbligazioni e mettere fine al QE prima di settembre, potrebbe allarmare il mercato obbligazionario e l’high yield europeo con esso. Ultimo ma non meno importante, in caso di diminuzione della liquidità, i rischi di un’entità sovra indebitata aumenterebbero.

Volatilità. Ci attendiamo un rialzo graduale della volatilità dai livelli estremamente bassi, ma i mercati sono diventati in qualche modo compiacenti e, se dovessero improvvisamente assistere a oscillazioni più forti, il rally potrebbe essere messo a rischio. E ci sono numerosi eventi da qui in avanti che potrebbero causare un’elevata volatilità (eventi politici e geopolitici).

Valutazioni. Nessun mercato - né all’interno dell’azionario che all’interno dell’obbligazionario - al momento è economico. Le valutazioni ampie potrebbero iniziare a pesare sul sentiment del mercato, in particolar modo se la crescita dovesse mostrare segni di rallentamento. In questo momento, la crescita è alla base dei mercati azionari, in quanto la redditività continua a migliorare - anche se i mercati stanno trascurando le valutazioni in quanto i profitti sono forti - ma se il sostegno alla crescita dovesse vacillare, i mercati potrebbero diventare meno ottimisti.

Inflazione americana/ Dollaro più forte. Ci aspettiamo un rialzo dell’inflazione negli Stati Uniti verso il 2%, ma se questo dovesse accadere prima del previsto o il tasso attestarsi a un valore più elevato di quanto atteso, il dollaro potrebbe apprezzarsi e, di fatto, inasprire le condizioni monetarie a livello mondiale (con rischi per i paesi emergenti).

Ritorno ai rendimenti. I rendimenti a lungo termine non si sono mossi molto (abbiamo chiuso il 2017 così come si era aperto) e con aspettative contenute sull’inflazione, non ci attendiamo un rialzo significativo. Ma se dovessero aumentare all’improvviso, i mercati potrebbero spaventarsi facilmente. Inoltre, se la curva dei rendimenti dovesse invertirsi i timori per una recessione potrebbero intensificarsi (anche se, storicamente, i tempi sono generalmente più lunghi).

Ritorno dei populismi. La maggior parte delle elezioni europee si sono concluse con un “giusto” risultato nel corso del 2017, ma il populismo non è scomparso.  In Italia le elezioni sono in dirittura di arrivo, così come in Messico e altrove. Il populismo può avere effetti sui mercati, anche se Le Pen è fuori gioco.

Geopolitica. È improbabile che le tensioni si attenuino: tra Nord Corea, Russia, guerre commerciali, Brexit, Trump e altro, qualcosa di brutto potrebbe ancora accadere.

Disincanto sulla rivoluzione tecnologica. I grandi player tecnologici smettono di essere visti come creatori di valore e di disruption positiva, portando verso un’inversione di sentiment. Oggi i FAANGS (le aziende Facebook, Apple, Amazon, Netflix e Google) sono considerati come qualcosa di positivo per i consumatori, ma se questo dovesse cambiare, potrebbero avere effetto sul mercato a livello globale.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: rischi, crescita, borse, consumi
Come valuti questa notizia?
Dieci rischi da cui guardarsi Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Banche, crediti deteriorati in discesa
Notizia successiva »
Ottimismo dalle materie prime
ARTICOLI CORRELATI
I populisti piacciono alle Borse, ma non sempre pubblicato il 15 maggio 2019
Quali gambe ha questo toro? pubblicato il 20 marzo 2019
Una crescita che dura da un quarto di secolo pubblicato il 25 marzo 2019
Cosa succede alle Borse? pubblicato il 21 dicembre 2018
Gli Em beneficeranno della sincronizzazione della crescita pubblicato il 10 dicembre 2018