Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio
Scopri i vantaggi del nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Draghi e il destino dell'euro

30/04/2018

Draghi e il destino dell'euro

L'evento di questo finale di settimana è stato senz'altro la riunione della Bce, che ha spinto l'euro sotto quota 1,21 nei confronti del dollaro, il livello più basso dalla prima metà di gennaio. A suonare campane di mestizia è stato lo stesso governatore Draghi che ha sottolineato che c’è una crescente incertezza sulle sorti dell'economia europea dopo una serie di dati che sembrano mostrare inequivocabilmente un rallentamento congiunturale. In ordine cronologico l'ultimo è stato il Pil della Francia, attualmente la quinta economia del mondo (ai cambi correnti è davanti alla Gran Bretagna). Il risultato è stato in linea con le attese, +0,3% su base congiunturale, valore che però rappresenta un livello che è meno della metà rispetto al +0,7% degli ultimi tre mesi del 2017.

Contemporaneamente la Gran Bretagna ha registrato un miserrimo +0,1%, il valore peggiore da fine 2012, con una performance particolarmente negativa registrata dalle costruzioni (-3,3%). A incoraggiare gli investitori finora è stata solo la Spagna , che è cresciuta su base congiunturale dello 0,7%. Si tratta del nono trimestre di fila in cui l'economia iberica è aumentata con questa intensità o addirittura superiore.

Di fronte a tutto ciò non sorprende che la Bce abbia esplicitamente parlato della possibilità di prolungare il Qe in scadenza a fine settembre di altri trimestri, contemporaneamente ben guardandosi anche solo dall'accennare a quando si potrà cominciare ad alzare i tassi. E come conseguenza il super-euro sta cominciando a prendersi delle pause, effetto che probabilmente non dispiace alle autorità continentali. Lo scenario centrale per il 2018 prevedeva un cambio Eur/Usd stabile con la possibilità, come outlier, però di vedere un ulteriore schizzo al rialzo verso quota 1,30. In realtà ci siamo fermati poco sopra 1,25, però almeno fino a qualche settimana fa lo scenario delineato sembrava confermato.

Capire le dinamiche del mercato Forex, in particolar modo quelle della moneta unica, che sono avvolte sempre in un fondo di isteria politica e ideologica, non è facile neppure per gli esperti del settore. In questa sede ci limitiamo umilmente a ricordare che i due elementi più importanti nel delineare il tasso di cambio sui mercati sono il livello relativo dei tassi di interesse, specialmente a breve, e il ciclo economico. Lo scenario è però complicato dal fatto che i trader valutari tendono ad anticipare molto le inversioni, con il risultato che spesso vengono smentiti.

Prendiamo quest'ultimo bull market dell'euro: la crescita europea ha portato a puntare su un possibile inizio di normalizzazione delle politiche della Bce non eccessivamente lontano nel tempo e a focalizzarsi sul crescente (di nuovo) twin deficit statunitense, a livello di partite correnti e conti pubblici. Il risultato è che se il rallentamento economico europeo dovesse intensificarsi i trader lunghi di euro si troverebbero con il cerino acceso in mano con una politica monetaria bloccata da un ritorno alla bassa crescita. Ciò si tradurrebbe in uno scarto colossale fra i tassi a breve statunitensi e quelli continentali, accompagnati peraltro da una forte ripidità delle proprie curve.

Quali sono dunque le prospettive in questo ambito? Per tentare di dare una parziale risposta bisogna non dimenticare di un elemento molto importante, ossia il forte scarto che esiste a livello ciclico e secolare nell'andamento del cambio valutario più importante del mondo.

A cura di: Boris Secciani
Parole chiave: bce, euro, dollaro, europa
Come valuti questa notizia?
Draghi e il destino dell'euro Valutazione: 2/5
(basata su 1 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Il ritmo della crescita preoccupa la Bce
Notizia successiva »
Euro, un trend secolare
ARTICOLI CORRELATI
Dollaro: il mondo ne sarà sempre meno dipendente pubblicato il 21 ottobre 2020
Tasse: quanto pagano in più gli italiani rispetto all’Europa pubblicato il 8 ottobre 2020
BlueBay: dollaro debole e rendimenti dei Paesi emergenti pubblicato il 19 settembre 2020
Eurizon: la view d’investimento del mese di ottobre pubblicato il 12 ottobre 2020
Dollaro: la sua corsa sta per finire? pubblicato il 4 agosto 2020