Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

La lunga strada della globalizzazione

25/07/2018

La lunga strada della globalizzazione

Negli ultimi venti anni la globalizzazione si è trasformata in uno dei temi più dibattuti a livello planetario. Per Amartya Sen il bilancio del processo nel corso dei secoli è positivo. Per Stiglitz è negativo

Per Amartya Sen, premio Nobel per l’economia, la globalizzazione ha determinato in primis un arricchimento scientifico e culturale dell’intero pianeta, seguito da un non disprezzabile miglioramento delle condizioni economiche di centinaia di milioni di persone in ogni angolo del pianeta.

Per Joseph Stiglitz e i critici del neo-liberismo, il fenomeno presenta un bilancio complessivo negativo perché avrebbe accelerato le disuguaglianze. Il Fondo Monetario Internazionale, organismo sovranazionale che suole muoversi fuori dalle dispute accademiche, ha confermato che i dati in suo possesso dimostrano che, a partire dal 2007, la disuguaglianza è cresciuta in seguito all’introduzione delle nuove tecnologie, degli investimenti esteri e del processo di delocalizzazione delle attività produttive.

Prima di tutto bisognerebbe chiedersi quando è partito il fenomeno: 20, 200 o duemila anni fa? Impossibile saperlo. L’integrazione tra attività produttive e modelli sociali risale alla notte dei tempi. Anche se Adam Smith non ha mai utilizzato il termine globalizzazione, questo rappresenta uno dei temi cardine del suo libro ‘La ricchezza delle nazioni’.

La sua descrizione dello sviluppo economico è fondata sul principio dell’integrazione dei mercati nel corso del tempo. La progressiva espansione della divisione e specializzazione del lavoro ha determinato un’accelerazione del commercio internazionale. L’avvio del processo di urbanizzazione può essere considerato una fase iniziale della globalizzazione, anche se ha coinvolto una porzione di mondo sensibilmente meno estesa rispetto a quella coinvolta attualmente.

Smith aveva in mente un esempio particolare quando scriveva di integrazione dei mercati tra i continenti: Europa e America. La scoperta dei nativi Americani da parte degli europei ha –secondo Smith- avviato un intenso processo di divisione del lavoro tra i due continenti.  Anche in alcuni studi di recente pubblicazione si argomenta che la scoperta dell’America, avvenuta nel 1492 ad opera di Cristoforo Colombo, rappresenti uno spartiacque per l’accelerazione della globalizzazione grazie all’abbattimento dei costi di trasporto derivante dalla scoperta di nuove commodities e dal conseguente sviluppo di nuove forme di carburanti.

Smith sosteneva che la scoperta di ricche miniere di oro e argento e l’arrivo in Europa di enormi quantità di entrambi i metalli preziosi cambiò la storia dell’economia continentale. Dopo un lungo periodo di stagnazione, i prezzi dei beni in Europa cominciarono a salire perché le valute continentali erano legate alle quotazioni dell’argento e dell’oro. L’impatto fu talmente forte da parlare di una rivoluzione dei prezzi che determinò elevati livelli di inflazione.

Il trend si bloccò solo nel 1650. Molti economisti ipotizzano che l’inflazione europea sarebbe stata ancora più devastante senza il contributo, in termini di argento e oro, dato dalle miniere localizzate in Sudamerica.

A cura di: Rocki Gialanella
Come valuti questa notizia?
La lunga strada della globalizzazione Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Real estate: anno positivo dopo un 2017 da record
Notizia successiva »
Un mondo post-emergente
ARTICOLI CORRELATI
Paperoni nel mondo: calano nel mondo, ma in Italia sono aumentati pubblicato il 15 luglio 2019
Un’Italia ferma in un mondo fermo pubblicato il 3 maggio 2019
I veri vincitori della globalizzazione pubblicato il 19 luglio 2018
Il pendolo dei mercati finanziari pubblicato il 3 aprile 2019
Sfide in un mondo non più sincronizzato pubblicato il 28 novembre 2018