Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio
Scopri i vantaggi del nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Aspettando il risveglio dei bond investment grade

17/09/2018

Aspettando il risveglio dei bond investment gradeIl recedere dei timori sull’indebitamento netto, il miglioramento delle valutazioni e i livelli sempre più allettanti delle nuove emissioni, potrebbero riaccendere l’interesse degli investitori

La leva finanziaria netta delle società Investment Grade statunitensi ha iniziato a ridursi dopo una fase di costante espansione e la crescita media del debito lordo delle società non finanziarie è rallentata da oltre il 4% nel primo trimestre al 2,5% nel secondo trimestre. Uno dei fattori alla base di questo miglioramento è il calo delle nuove emissioni obbligazionarie da parte (per lo più) delle grandi società tecnologiche e farmaceutiche, in grado di ricorrere alla liquidità detenuta all’estero.

Valutazioni quantitative

Per gran parte dell’anno gli spread delle obbligazioni Investment Grade hanno continuato ad ampliarsi e ora si trovano su livelli nettamente più allettanti rispetto ai minimi di gennaio. Da inizio anno i differenziali delle obbligazioni Investment Grade statunitensi sono saliti del 23% a 114 punti base (pb) e quelli europei del 41% a 121 pb. Grazie all’aumento dei tassi d’interesse negli Stati Uniti ora anche i rendimenti complessivi si sono fatti interessanti. Durante l’estate il rendimento dell’indice delle obbligazioni societarie Investment Grade statunitensi ha infatti superato – per la prima volta dal 2011 – la soglia del 4% e anche le scadenze più brevi del listino Investment Grade offrono un rendimento del 3,2%. Si tratta però di livelli assai modesti rispetto a quelli offerti dal debito dei Mercati Emergenti, dove la volatilità ha spinto i rendimenti dei titoli di Stato sopra il 6,5%. D’altro canto, poiché le obbligazioni societarie Investment Grade non comportano i rischi generalmente associati al debito dei Mercati Emergenti, questi rendimenti potrebbero risultare appetibili per gli investitori.

Fattori tecnici

ll quadro tecnico delle obbligazioni societarie Investment Grade impone prudenza. JP Morgan Am ha ridimensionato le attese per gli Stati Uniti a fronte dell’abbondante offerta attesa a settembre (anche rispetto agli anni passati), il cui livello lordo dovrebbe toccare 125 miliardi di dollari. In Europa il team prevede un calo della domanda per via della conclusione del programma di acquisto di obbligazioni societarie della Banca Centrale Europea verso la fine dell’anno. Il team ha inoltre riscontrato una netta riduzione dei flussi di investimento provenienti dal mercato retail (i disinvestimenti dai fondi comuni dedicati alle obbligazioni societarie europee hanno superato un miliardo di Euro in ciascuna delle ultime tre settimane) e non esclude un proseguimento di questa tendenza. Tuttavia, vi sono anche aspetti positivi.

Il mercato sembra infatti ampiamente capace di assorbire l’offerta delle società statunitensi ora che l’offerta degli intermediari è ridiscesa attorno a 1,7 miliardi di dollari dai circa 6 miliardi di dollari di un paio di settimane fa. Recentemente, in Europa, i premi delle nuove emissioni si sono attestati su livelli molto alti – in alcuni casi prossimi al 30% dello spread complessivo – pertanto esistono buone opportunità sul mercato primario.

Cosa significa per gli investitori obbligazionari? 

Anche se il team ritiene opportuno mantenere un orientamento cauto sulle obbligazioni societarie Investment Grade, in particolare per motivi tecnici, non esclude la possibilità di un rialzo a sorpresa. Il quadro fondamentale è incoraggiante e le valutazioni sono sempre più interessanti. Dato che negli ultimi mesi JP Morgan ha continuato a ridurre l’allocazione di portafoglio al settore, prevalentemente a causa dei timori legati al livello di indebitamento netto, ora dispone di risorse sufficienti per alzare l’esposizione, concentrandoci in particolare sul mercato primario per cogliere le migliori opportunità.

A cura di: Rocki Gialanella
Come valuti questa notizia?
Aspettando il risveglio dei bond investment grade Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Calma piatta per Bce e BoE
Notizia successiva »
Una Star a Piazza Affari
ARTICOLI CORRELATI
Istat: Pil calo senza precedenti, ma ripresa già in atto pubblicato il 13 agosto 2020
Schroders: rendimenti record nel credito pubblicato il 4 giugno 2020
Il recupero dei bond emergenti pubblicato il 11 febbraio 2019
Bond: ricerca di rendimenti in un momento di tassi a zero pubblicato il 7 febbraio 2020
Le poche opportunità, che però esistono, nei bond pubblicato il 28 gennaio 2019