Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Norvegia e Danimarca in testa per sostenibilità

26/11/2018

Norvegia e Danimarca in testa per sostenibilitàLa nuova classifica di sostenibilità dei Paesi Ocse. Confermato il terzetto di testa, composto da Norvegia, Danimarca e Svizzera, mentre la Francia di Macron scivola nuovamente fuori dall’universo investibile. Focus sull’Italia (che non si muove dalla 29esima posizione): le ragioni di una delusione annunciata.

L’Europa, in particolare quella del nord e di lingua tedesca, si conferma assoluta dominatrice della classifica semestrale sulla sostenibilità dei 35 Paesi Ocse presentata da Degroof Petercam Asset Management - società pioniere negli investimenti responsabili. Dal 2007 la società di gestione effettua questa analisi con lo scopo di definire l’universo di investimento più sostenibile. Rispetto all’ultima rilevazione il podio risulta immutato, con Norvegia, Danimarca e Svizzera a comporre il terzetto di testa.

L’Islanda spodesta la Svezia dal quarto posto, la Germania rimane sesta, mentre l’Austria rientra tra i primi dieci (in decima posizione) a scapito della Nuova Zelanda. Degna di nota è la performance della Francia che, pur perdendo una sola posizione, scivola nella metà peggiore della classifica, uscendo dall’universo investibile (in compagnia di Paesi come gli Stati Uniti, il Giappone e la Spagna).

L’Italia (29esima) conferma il suo posizionamento, rimanendo nella metà bassa della classifica, una costante dall’inizio delle rilevazioni di Degroof Petercam AM. Negli ultimi cinque anni il punteggio totale registrato dal Paese si è aggirato tra 50 e 55, a causa di limiti strutturali quali la debolezza delle istituzioni in termini di trasparenza e rispetto dei valori democratici, la distribuzione della ricchezza e l’accesso a cure sanitarie di qualità.

La dimensione dell’istruzione e dell’innovazione è particolarmente deficitaria: l'Italia rimane indietro in termini di investimenti in ricerca e sviluppo, accesso a internet e di numero di laureati. La percentuale di appartenenti alla fascia di età 25-34 che hanno raggiunto il livello più alto di istruzione è infatti ampiamente al di sotto della media Ocse.

Di conseguenza, il Paese mostra un forte e continuo aumento della quota di Neet, giovani che non hanno un impiego, non studiano e non sono impegnati in percorsi formativi professionali. Se si considera l'evoluzione della disoccupazione di lunga durata e di quella giovanile, la situazione non è promettente, anche guardando alle prospettive demografiche: in primo luogo, il tasso di fertilità in Italia rimane molto basso, pesando sull'indice di dipendenza degli anziani. L'immigrazione, infine, difficilmente risolverà il problema, dato che l'Italia conta uno dei tassi più alti di adulti nati all'estero che non hanno completato nemmeno l'istruzione secondaria superiore.

La classifica dei Paesi Ocse viene elaborata analizzando oltre 60 indicatori di sostenibilità, che possono essere influenzati dal governo di una nazione e i cui dati devono essere quantificabili, comparabili ed essere forniti da fonti ufficiali internazionali attendibili (es. World Bank, FMI, UNDP, Freedom House, World Economic Forum).

Tali indicatori vengono raggruppati in cinque pilastri: (i) Trasparenza delle Istituzioni e Valori Democratici, (ii) Tutela dell’Ambiente, (iii) Popolazione, Salute e Distribuzione della Ricchezza, (iv) Istruzione e Ricerca & Sviluppo, e (v) Economia. Gli indicatori utilizzati per elaborare la classifica sono stati recentemente aggiornati, assegnando un peso maggiore a fenomeni di crescente importanza quali i fenomeni migratori, l’istruzione e la biodiversità.

A cura di: Rocki Gialanella
Come valuti questa notizia?
Norvegia e Danimarca in testa per sostenibilità Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Il nebuloso futuro delle Faang
Notizia successiva »
Equal weight per scommettere sul ritorno della crescita
ARTICOLI CORRELATI
Navigare tra tassi e valute pubblicato il 4 ottobre 2018
Economia, il Nobel agli studi sulla sostenibilità pubblicato il 10 ottobre 2018
Dalla spinta monetaria a quella fiscale pubblicato il 6 dicembre 2018
Che cosa porterà la fine del quantitative easing della Bce pubblicato il 5 novembre 2018
Il punto sui Btp pubblicato il 6 novembre 2018