Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Equal weight per scommettere sul ritorno della crescita

26/11/2018

Equal weight per scommettere sul ritorno della crescita

Abbiamo già visto che il gruppo delle cosiddette azioni Faang (Facebook, Apple, Amazon, Netflix e Alphabet/Google), al di là del bear market in corso, ha davanti a sé non poche sfide per il futuro. Il rischio più grosso è uscire dal novero dei titoli growth, vista anche la posizione di dominio nel proprio mercato di riferimento, che però sta inevitabilmente saturandosi. A ciò va aggiunto il fatto che il fatturato per singolo utente non è elevatissimo e probabilmente non è destinato ad aumentare nel tempo.

Se poi andiamo a vedere la storia dei mercati si evidenzia che è piena di aziende che sembravano invincibili, per il fatto che erano in posizione di dominio in comparti che sembravano crescere all'infinito e la cui parabola è finita piuttosto bruscamente. Chi segue da molto tempo le news finanziarie ricorderà che Cisco a inizio 2000 fu la prima azienda a superare i 500 miliardi di dollari di capitalizzazione borsistica, grazie alla forza nel campo dei router usati nei nascenti network internet. Rapidamente, però, l'azione passò da oltre 80 dollari a poco sopra 10 nel 2002 e tuttora il titolo viene trattato non molto oltre 40.

In alcuni casi la parabola di declino viene poi seguita da una spettacolare ripresa: il caso più clamoroso in questo ambito è quello di Apple, un gruppo che 20 anni fa era a rischio di non riuscire a sopravvivere, ma poi è diventato l'azienda di maggiore successo a livello planetario in questi anni. Anche in questa circostanza, però, i rischi per gli investitori non mancano, in quanto spesso la ripresa arriva dopo anni in maniera del tutto inaspettata. Un altro esempio di insperata accelerazione dei profitti è stato Microsoft, che, dopo anni non facili, si è reinventata come colosso del cloud.

Se si vuole impostare i propri investimenti su temi growth, una volta che il mercato si sia stabilizzato ma prima che emergano eventuali nuovi campioni, probabilmente resta un unico approccio: perseguire strategie equal weight. Con questo termine si intende andare a collocare i propri liquidi in percentuale uguale su quei segmenti che appaiono più promettenti per il futuro e all'interno di essi in quote uguali fra le aziende rilevanti del comparto.

Supponiamo, ad esempio, che si identifichi una serie di trend, dalla realtà virtuale all'editing genetico all'internet delle cose e altri. Al giorno d'oggi è difficile dire con certezza quale comparto davvero esploderà o quale resterà al palo. Per fare un esempio i tentativi di lanciare le auto elettriche sono vecchi quanto l'automobile in sé e c'è voluto più di un secolo affinché tale segmento diventasse un fenomeno economico rilevante. La realtà virtuale pure è in giro dagli anni ‘80 e anch'essa a lungo è rimasta poco più che un'ipotesi. Per quanto riguarda tecnologie più recenti, più di qualche professionista dell'It nutre dubbi sulla fattibilità di molte promesse della blockchain.

In una fase tanto complessa, poi, è ancora impossibile identificare i colossi protagonisti di domani, di conseguenza tanto vale allocare in maniera equanime su un universo ampiamente diversificato di nomi, allo scopo di catturare anche l'ipotesi di vedere i titani di oggi ancora al comando. Viviamo dunque in un'era di transizione, che spesso tende a coincidere con l'avvento di bear market.

La spiegazione di tale correlazione ha una logica, poichè fasi di calo sono sovente causate dall'esaurirsi di un ciclo di crescita, accompagnato da aspettative troppo elevate da parte degli investitori. Ciò che sappiamo però è che il mondo sta cambiando rapidamente e che nel giro di pochi anni tante cose appariranno profondamente mutate, con diverse filiere ridimensionate se non scomparse: ad acque un minimo meno movimentate di oggi si potrà tornare a scommettere ancora sul futuro in maniera più mirata.

A cura di: Boris Secciani
Parole chiave: investimenti, tecnologia, growth
Come valuti questa notizia?
Equal weight per scommettere sul ritorno della crescita Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Norvegia e Danimarca in testa per sostenibilità
Notizia successiva »
L’incertezza regna sovrana
ARTICOLI CORRELATI
Presentazione di 8a+ Investimenti SGR pubblicato il 9 luglio 2018
Diversificare con il Nasdaq pubblicato il 3 settembre 2018
Il ritorno delle biotecnologie pubblicato il 13 luglio 2018
Caccia ai veicoli migliori per evitare le correzioni pubblicato il 26 luglio 2018
Una fragile tecnologia pubblicato il 28 luglio 2018