Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Brexit, massima incertezza

16/01/2019

Brexit, massima incertezzaQuella di ieri non stata una serata volta a fare chiarezza sulla Brexit. Tuttavia il margine di sconfitta di Theresa May e la mozione di sfiducia sono elementi important per i mercati nel breve termine.

La pesante vittoria dei ‘no’ (230 voti di vantaggio rispetto ai votanti favorevoli all’accordo) mette in discussione la stessa leadership del primo ministro. Jeremy Corbin, il leader dell’opposizione e guida del Partito Laburista, ha presentato una mozione di sfiducia alla May e al suo Governo che verrà discussa oggi. Corbin chiede al Governo di garantire la permanenza del Regno Unito nell’Unione Europea.

Da un lato, il voto di sfiducia indirizza i mercati verso lo scenario di una Brexit più morbida del partito Laburista, che sosterrebbe la sterlina, dall’altra gli investitori si dovranno preoccupare anche delle politiche più controverse del partito, come quelle relative alla nazionalizzazione.

La fonte di incertezza più immediata è il voto di fiducia sul governo May. Mentre è probabile che il primo ministro UK ottenga la fiducia oggi, rimane la possibilità che si vada a elezioni anticipate che i Laburisti sperano di vincere. Questa mossa potrebbe mettere pressione sull’obbligazionario britannico e sui mercati valutari.

Finché non ci sarà maggiore chiarezza, è possibile che il mercato azionario rimanga sotto pressione poiché la minaccia di una maggiore incertezza limiterebbe gli investimenti e danneggerebbe il commercio e la fiducia dei consumatori. E’ comunque importante considerare che la Brexit non è l’unica pedina in campo. L’impatto di un miglioramento nel prezzo delle materie prime e del petrolio è possibile rappresenti un driver altrettanto forte per l’azionario britannico quest’anno.

Da questo momento in avanti May continuerà a premere sui parlamentari, ma è difficile immaginare che riuscirà a tirare fuori dal cappello un nuovo e accomodante accordo in una o due settimane, se non è riuscita a produrne uno dopo due anni.


L’UE rimane frustrata dal fatto che il Regno Unito non riesca a chiarire le sue intenzioni. Questa non dovrebbe essere una sorpresa, vista la divisione dell’elettorato britannico sulla questione.
Dopo aver effettuato il primo voto a dicembre, e aver perso con un enorme margine ieri sera, vediamo quanto poco spazio abbia May per operare. Non c’è praticamente nessun punto d’incontro tra ciò che il Parlamento chiederà e ciò che Bruxelles accetterà.

Negli ultimi due anni, l’incertezza ha influito pesantemente sulla crescita degli investimenti delle imprese, che tende a 0. Inoltre, nonostante la forza del mercato del lavoro – crescita salariale superiore al 3% e disoccupazione al 4,1% – la spesa delle famiglie è rimasta debole. In questo contesto, il voto di ieri prolunga ulteriormente il periodo di incertezza che l’economia britannica si troverà ad affrontare. Dato l’ormai elevato livello delle scorte, ciò avrà un impatto negativo sull’attività dei prossimi trimestri.

Se Theresa May dovesse uscire indenne dal voto di sfiducia, allora saremo essenzialmente nella situazione in cui ci saremmo ritrovati se il voto fosse avvenuto quattro settimane fa, ma con un calendario più serrato per l’articolo 50. I mercati saranno discontinui nei prossimi giorni, ma vale la pena ricordare che ieri sera non è cambiato nulla di fondamentale. E’ probabile che in siffatto scenario la cosa più saggia da fare a breve termine per gli investitori è di non fare nulla.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: may, boe, sterlina, brexit
Come valuti questa notizia?
Brexit, massima incertezza Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Il petrolio ha scontato una recessione non pervenuta
Notizia successiva »
Una visione contrarian sulla Cina
ARTICOLI CORRELATI
L'enigma Regno Unito pubblicato il 13 febbraio 2019
Brexit alla norvegese pubblicato il 23 gennaio 2019
Una tappa intermedia per la Brexit pubblicato il 16 novembre 2018
Corsa a ostacoli per Theresa May pubblicato il 23 novembre 2018
Effetto Brexit sulla sterlina e sui servizi pubblicato il 24 settembre 2018