Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio
Scopri i vantaggi del nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Assoreti: la raccolta sfonda il muro dei 30 miliardi

15/12/2020

Assoreti: la raccolta sfonda il muro dei 30 miliardi

Le reti di consulenti finanziari hanno conseguito un importante traguardo nei primi nove mesi da parte: la raccolta netta totale ha sfondato il muro dei 30 miliardi di euro, archiviando il periodo esattamente con volumi pari a 30,9 miliardi, in aumento del 26,3% rispetto al 2019. È un risultato oggettivamente importante perché ottenuto in un anno condizionato sotto molti aspetti dalla pandemia da coronavirus e perché, ha commentato Paolo Molesini, presidente dell’Associazione delle società per la consulenza agli investimenti (Assoreti), ottenuto grazie al sevizio altamente qualificato degli associati.

La consulenza, leva importante per il risparmio e l’economia

Il servizio fornito dai consulenti si è infatti rivelato un potente antidoto alle difficoltà del periodo, consentendo agli investitori di procedere con disciplina nella pianificazione delle loro strategie: una leva fondamentale per sostenere sia il risparmio dei cittadini sia l’economia dell’intero Paese. La crescita registrata nei primi nove mesi – secondo la nota di Assoreti - è trainata sia dai risultati realizzati nel comparto del risparmio gestito, pari a 14,1 miliardi (+28,7%), sia dai volumi di raccolta che hanno coinvolto la componente amministrata del portafoglio per 16,8 miliardi di euro (+24,3%).

Lo sprint della raccolta nei mesi estivi

La performance realizzata tra gennaio e settembre acquisisce maggiore valore se si considera che ben il 27,5% della raccolta complessiva è riconducibile all’attività svolta nei mesi estivi. Tra luglio e settembre, infatti, le reti di consulenza hanno raccolto investimenti netti per 8,5 miliardi di euro, con un tasso di crescita tendenziale pari al 16,6%. Altro spunto positivo è rappresentato dal fatto che la maggior parte delle risorse nette raccolte nel periodo considerato – ovvero il 61,9% del totale - è investita in prodotti del risparmio gestito, per un ammontare complessivo pari a 5,3 miliardi di euro (+15,5% su base annua).

Risparmio gestito, sono gli OICR a tirare la volata

L’attività delle reti si concretizza in volumi di raccolta netta pari a 14,1 miliardi di euro, in crescita sia per gli organismi di investimento collettivo del risparmio (OICR), pari a 4,6 miliardi di euro (+157,9%), sia per le gestioni patrimoniali individuali, sulle quali sono state investite risorse nette più che triplicate, pari a 2,7 miliardi. In controtendenza invece il comparto assicurativo, che chiude i primi nove mesi con flussi netti in calo del 20% anno a 6,2 miliardi. Tra luglio e settembre la raccolta netta diretta in quote di OICR, stando alle note da Assoreti, è positiva per 2,1 miliardi di euro (+23,3%).

Balzo delle gestioni patrimoniali

Gli investimenti si concentrano sui fondi esteri aperti (1,7 miliardi). Il bilancio trimestrale è positivo anche per i fondi aperti italiani (175 milioni) e per i fondi chiusi mobiliari (186 milioni). I volumi netti realizzati sulle gestioni patrimoniali individuali sono in netta crescita tendenziale (+146,1%) e coinvolgono le GPF, mentre i volumi di attività realizzati sui prodotti assicurativi (2,1 miliardi) subiscono, nel loro insieme, una contrazione del 9,7%.

In calo la liquidità su conti correnti e depositi

Nei primi nove mesi, la raccolta netta sulla componente amministrata strettamente finanziaria è pari a 7,9 miliardi. Tra luglio e settembre gli investimenti netti ammontano a 692 milioni, in netta crescita rispetto al medesimo periodo del 2019. La liquidità netta confluita, da gennaio, su conti correnti e depositi si attesta a 8,9 miliardi, in calo del 23,4%. La dinamica si riscontra anche nel terzo trimestre nel corso del quale vengono depositate risorse nette per 2,6 miliardi, in calo del 53%.

A cura di: Fernando Mancini
Come valuti questa notizia?
Assoreti: la raccolta sfonda il muro dei 30 miliardi Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Banca d’Italia: seconda ondata contagi frena la ripresa
Notizia successiva »
Istat: rallentamento Pil 2020 superiore al previsto