Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Borse: la Fed porta a zero i tassi Usa

17/03/2020

Borse: la Fed porta a zero i tassi UsaLe Banche centrali corrono in soccorso dei mercati, ma il panico da coronavirus le mette di nuovo a tappeto. Dalla statunitense Fed all’Istituto di emissione giapponese (BoJ), da quelli della Nuova Zelanda e dell’Australia alla Banca Popolare Cinese (Pboc), tutti hanno varato nuove misure destinate a fornire liquidità ai mercati e così tranquillizzarli. Paradossalmente la loro azione ha fallito l’obiettivo. Anzi, la decisione a sorpresa (nei tempi) della Fed, la seconda mossa in emergenza nel giro di pochissime settimane, ha avuto l’effetto contrario. La riduzione dei tassi di riferimento statunitensi allo zero (il target range per il saggio dei fondi federali è stato portato nella fascia 0,00-0,25%) è apparsa infatti così ampia che, secondo gli analisti, è stata letta dagli investitori come una ‘sottolineatura’ del livello di difficoltà in cui si trova l’economia d’Oltreoceano.

Investitori in fuga dopo l’emergenza dichiarata dalla Casa Bianca

A poco è valso il fatto che la Fed abbia accompagnato il taglio dei tassi con un ampio pacchetto di misure a sostegno dell'economia in risposta alla diffusione di Covid-19, che comprende almeno 700 miliardi di dollari in acquisto di asset aggiuntivi nei prossimi mesi. La ragione principale della decisione discende il rischio associato all'epidemia. In particolare, ha commentato Philippe Waechter, chief economist di Ostrum Asset Management (Gruppo Natixis IM), “la situazione è diventata più evidente negli Stati Uniti con l'instaurazione dello stato di emergenza da parte della Casa Bianca e il rapido aumento dei contagi”. E proprio per questo, ha aggiunto “ha adottato mosse più radicali” di quanto atteso.

Più vicina la recessione, tassi bassi fino al 2021

A questo punto la Fed ha fatto tutto ciò che poteva nel suo mandato e quindi, stima l’economista del gruppo Natixis IM, “così come ora in Europa, tocca alla politica fiscale limitare i rischi e assumersi la responsabilità del calo di attività che si sta profilando negli Stati Uniti. La probabilità che sfuggano a una recessione è ora limitata”. Per tutti questi motivi, gli analisti di Unicredit continuano a aspettarsi “che la Fed mantenga lo zero inferiore per i tassi almeno fino al 2021”.

Goldman Sachs rivede in netto calo il Pil Usa

Ma le prospettive dell’economia Usa hanno nel frattempo subito un brutto colpo, tanto che gli analisti di Goldman Sachs hanno rivisto brutalmente le loro stime. Gli esperti prevedono per il Pil reale statunitense una crescita pari allo zero per il primo trimestre (corretto dal precedente +0,7%), una contrazione del 5% per il secondo trimestre (da zero), un rimbalzo del 3% nel terzo (da +1%) e un +4% nell’ultimo scorcio dell’anno (da +2,25%), con ulteriori forti progressi all’inizio del 2021. In sostanza per quest’anno l’analisi aggiornata di Goldman Sachs, che sottolinea come “l'incertezza attorno a tutti questi numeri sia molto maggiore del normale”, indica un modesto +0,4% (dal precedente +1,2%) il Pil Usa.

L’Fmi vara un piano monstre da mille miliardi di dollari

Il temuto effetto a pioggia della frenata della principale economia mondiale sul resto del mondo ha già messo in azione il Fondo monetario internazionale, che ha annunciato di essere pronto a mobilitare 1.000 miliardi di dollari per aiutare i Paesi membri a far fronte all'emergenza causata dal coronavirus. Lo ha detto il direttore generale del Fondo, Kristalina Georgieva, precisando che come “prima linea di difesa, il Fondo può varare i suoi strumenti di emergenza flessibili e a erogazione rapida per aiutare i Paesi con esigenze finanziare urgenti”. Il Fondo, ha ricordato ancora, “ha già 40 accordi in corso, con impegni totali per circa 200 miliardi di dollari. In molti casi, questi accordi prevedono la creazione di veicoli per l'erogazione rapida dei finanziamenti in tempi di crisi. Abbiamo ricevuto interesse da altri 20 Paesi circa”.

Aspettando la Bce, si muovono Giappone, Australia e N. Zelanda

Mentre il mercato attende nuove mosse in questo senso da parte della Bce, dopo il nulla di fatto della scorsa settimana, nell’ambito di una riunione straordinaria, la giapponese BoJ è intervenuta adottando misure per pompare denaro nel mercato azionario di Tokyo e nell'economia colpiti dalla pandemia di coronavirus. Nella sua scia si sono mosse anche Reserve Bank della Nuova Zelanda (che ha ridotto il tasso ufficiale allo 0,25% dall’1%) e la Reserve Bank of Australia (che ha aumentato la liquidità nei mercati di finanziamenti a breve termine. In Cina, dove la produzione industriale ha accusato una contrazione del 13,4% nel bimestre gennaio-febbraio), così come le vendite al dettaglio (-20,5%) e gli investimenti (-24,5%), l'Istituto centrale Pboc è tornato a iniettare nuova liquidità sul mercato (circa 14,3 miliardi di dollari Usa) tramite prestiti a medio termine (a un tasso di interesse confermato al 3,15%).

A cura di: Fernando Mancini
Come valuti questa notizia?
Borse: la Fed porta a zero i tassi Usa Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Borse europee: rimbalzo dopo apertura Ue su flessibilità
Notizia successiva »
Assicurazioni: aumenta raccolta premi nel property