Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Paura recessione: gli investitori sulla difensiva

30/08/2019

Paura recessione: gli investitori sulla difensiva

Lo spettro di una recessione a livello globale si sta agitando sempre di più, mentre tra gli esperti ci sono dubbi sull’efficacia che potrebbero avere ulteriori misure accomodanti delle Banche centrali. Gli investitori sono chiaramente preoccupati per la possibilità di un’imminente brusca frenata dell’economia, al punto che nelle ultime settimane hanno accentuato la loro corsa verso i porti ritenuti più sicuri. Ad alimentarla anche i più recenti focolai di crisi nelle aree emergenti (Argentina), le tensioni geopolitiche a Hong Kong, lo strappo del nuovo Primo ministro britannico sulla Brexit. La weekly strategy del Cross Asset Solutions team di Unigestion traduce perfettamente in numeri questi timori: in agosto gli strumenti più rischiosi hanno subito pesanti perdite (l’indice Msci All Country World è sceso del 4%, e l’Emerging Market index del 6%) mentre, nello stesso periodo, quelli di ‘copertura’ sono andati in controtendenza. Tra questi ultimi spiccano le performance del Barclays Global Aggregate index (+2%), l'oro (+7%), lo yen giapponese (+3%) e il franco svizzero (+2% sull'euro). 

Powell (Fed): un freno da incertezze su politica commerciale

Ad agitare gli investitori è un mix di fattori che è stato ben sintetizzato da Jerome Powell, il Presidente della Federal Reserve, nel suo discorso a Jackson Hole (Wyoming). “L'incertezza della politica commerciale – ha detto - sta giocando un ruolo nel rallentamento globale e nella debolezza del settore manifatturiero e delle spese per capitale negli Stati Uniti”. È risaputo che all’economia d’Oltreoceano è legata a doppio filo la congiuntura mondiale, ma Powell ha anche sottolineato che questi segnali negativi ci sono già: “abbiamo visto – ha affermato al riguardo - ulteriori prove di un rallentamento globale, specialmente in Germania e in Cina”. In Germania il Pil nel secondo trimestre 2019 ha accusato un calo dello 0,1% trimestrale, registrato un rialzo di appena lo 0,4% tendenziale, aumentando i timori per la crescita dell’intera eurozona.  

Scetticismo sulle capacità della Bce di rilanciare l’economia

Tutta l’area – che dovrà comunque confrontarsi anche con il problema Brexit - ha una forte dipendenza con la congiuntura mondiale tramite il commercio estero, per questo è quella che sta risentendo maggiormente della frenata generale, così come delle tensioni commerciali. Siccome in Europa l’offerta di credito non è un problema, gli esperti sono scettici che ulteriori mosse ‘generose’ della Bce possano essere sufficienti per rilanciare l’economia reale. Le tensioni commerciali hanno colpito – direttamente e indirettamente - anche la Cina, la cui produzione industriale di luglio ha registrato il ritmo di crescita più basso degli ultimi 17 anni. A Pechino, per altro, la bassa domanda estera si è accompagnata con la debolezza del settore immobiliare e con l’accresciuto scontro sui dazi con gli Usa.

Treasury Usa preannunciano la recessione entro 12 mesi

Intanto, mentre le curve dei rendimenti sovrani si sono dovunque ulteriormente appiattite (segnalando un rischio maggiore sulla parte a breve rispetto a quella a lungo, che solitamente paga di più), negli Usa si sono addirittura invertite. Il Treasury a 10 anni, infatti, è inferiore a quello dei Governativi con durata biennale: un segnale che, negli ultimi 40 anni, ha preannunciato quasi sempre una recessione nei successivi 12 mesi. Una minaccia ben presente tra gli investitori istituzionali: più di un terzo di loro (34%), secondo un sondaggio effettuato da Bank of America Merrill Lynch, ritiene probabile una recessione nei prossimi 12 mesi: la percentuale più alta degli ultimi otto anni. La ricerca di BofA ha coinvolto 224 investitori, tra fondi pensione, casse di previdenza, fondi sovrani, desk assicurativi, private banker, per un totale di 553 miliardi di dollari di fondi gestiti.

A cura di: Fernando Mancini
Parole chiave: recessione, investitori, paura
Come valuti questa notizia?
Paura recessione: gli investitori sulla difensiva Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Oro: top dal 2013 su escalation guerra commerciale tra Usa e Cina
Notizia successiva »
Risparmio gestito: II trimestre, cala raccolta ma patrimonio record