Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Dotarsi di una strategia per guardare al lungo termine

09/01/2017

A qualcuno suona familiare la frase ‘il prezzo delle case non scenderà mai’? Oggi non viene più pronunciata, ma un decennio addietro era molto in voga, talmente in voga da considerare accademico e fuori contesto chi si spingeva ad affermare il contrario.

Allo stesso modo c’è chi ora sostiene che ‘le Borse siano destinate a crescere sempre nel lungo termine’. Destinare risorse ai listini azionari se il nostro orizzonte temporale è lungo rappresenta sicuramente una buona idea, a patto di essere coscienti dei rischi che corriamo….e che perdere denaro è una possibilità concreta, anche nel lungo termine.

Uno degli investitori che può essere preso ad esempio per sviluppare riflessioni sul lungo termine è sicuramente Jeremy Grantham, fondatore e gestore di GMO, una delle società di gestione più grandi del mondo con oltre centomila milioni di usd in gestione. Due anni fa, Grantham ha sostenuto che il ciclo rialzista di Wall Street era destinato a chiudersi con le elezioni presidenziali perché il lungo trend a cui abbiamo assistito era tipico di un ‘ciclo presidenziale’ (nel caso specifico quello di Barack Obama). Poco prima delle presidenziali, Grantham ha cambiato idea e ha sostenuto che il trend godeva di buona salute perché manipolato dall’operato delle Banche centrali.

In un articolo pubblicato dal Financial Times, la stessa casa d’investimento pronostica, per i prossimi sette anni, rendimenti negativi annualizzati del 3,7% per coloro che prediligono le azioni e del -2,1% per i patiti dei bond. Questo nel caso in cui decidessimo di entrare in questo periodo sui mercati azionari e obbligazionari statunitensi.  I rendimenti prospettati dal team sono stati calcolati tenendo in debita considerazione l’inflazione (che sarebbe la principale responsabile di queste performance poco esaltanti).

Siano corrette o no le previsioni della casa di Boston, i dati devono servire da avviso ai naviganti: in Borsa si può perdere denaro, anche se si diversifica e anche se l’orizzonte temporale non è breve. Oppure, detta in altro modo, i rendimenti passati non garantiscono in alcun modo il conseguimento di rendimenti simili in futuro. Non vi è alcuna ragione per cui il futuro debba o possa essere una ripetizione di quanto accaduto nel recente passato.

Ovviamente non tutti la pensano allo stesso modo. Nel report ‘2017 Long Term Capital Market Assunptions’ di JP Morgan AM, si sostiene che, in un orizzonte temporale di 10-15 anni e includendo l’effetto inflazione, sia possibile ottenere una performance annua del 7% nel segmento delle small caps Usa, del 6,25% in quello delle large caps, del 5,75% per gli High Yield bond, del 3,25% per le obbligazioni investment grade, del 2,25 per i titoli di stato e del 2% optando per la liquidità (conti deposito). 

A prima vista possono sembrare performance molto allettanti, ma se le analizziamo nello specifico si traducono in prospettive di rivalutazione medie del 4-5% per i titoli di rischio e del 2-3% per i titoli di debito all’interno di un orizzonte temporale molto lungo. Alla stessa conclusione si perviene in un report curato dal team di Mckinsey. Per i prossimi venti anni, la società si aspetta rendimenti annualizzati del 4-6,5% per le azioni e del 0-2% per le obbligazioni. Tenendo conto che anche altri report di recente pubblicazione tendono a muovere verso il basso il range delle potenziali performance, possiamo affermare che gli investitori dovranno abituarsi a ottenere rendimenti mediamente molto più bassi rispetto a quelli del passato.

A cura di: Rocki Gialanella
Come valuti questa notizia?
Dotarsi di una strategia per guardare al lungo termine Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Europa-emergenti, 0 a 3
Notizia successiva »
Robot, è qui il futuro
ARTICOLI CORRELATI
Dollaro, le ragioni degli scettici pubblicato il 2 luglio 2018
L’impatto cinese sui mercati azionari pubblicato il 21 giugno 2018
Duration e tassi preoccupano gli investitori pubblicato il 18 maggio 2018
Investitori italiani neutri rispetto al futuro pubblicato il 30 maggio 2018
Strategie islandesi pubblicato il 21 maggio 2018