Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

L’ascesa dei green bond

24/01/2017

La spinta del mercato cinese e la presenza di emittenti sovranazionali dall’elevata affidabilità creditizia –quali la BEI e la BIRS- stanno consentendo ai 'green bond' di conquistare nuove fette di mercato.

Nel corso del 2016 sono stati collocati nuovi green bond –obbligazioni emesse con la finalità di finanziare progetti o istituzioni che lottano contro gli effetti dovuti ai cambiamenti climatici- per un volume complessivo aggregato di 93.400 milioni di dollari (corrispondenti a più di 87.000 mln di euro). I dati sono stati raccolti ed elaborati dall’agenzia di valutazione della qualità del credito Moody’s.

Nel 2016, le istituzioni bancarie cinesi si sono trasformate nei principali protagonisti delle emissioni di green bond. Stando ai dati in possesso del team di Moody’s, il 44,4% delle risorse complessive raccolte attraverso questa tipologia di strumento, è stato captato mediante operazioni di collocamento curate da banche del gigante asiatico. Bank of Communications ha realizzato il più grande collocamento di un green bond nel 2016, raccogliendo circa 4.300 milioni di dollari. China Industrial Bank ha raccolto risorse per 2.900 mln di usd.

Nell’anno che si è da poco concluso, il numero totale di emittenti è stato di 162, corrispondenti a banche, società e enti pubblici. Il rendimento medio annuo offerto ai sottoscrittori dall’investimento in green bond ascende al 2,9%, in linea con la performance media conseguita da un investimento in titoli di debito accompagnati dal massimo livello di affidabilità creditizia.

I volumi registrati da Moody’s si traducono in un dato più che doppio rispetto ai volumi archiviati nel 2015, anno in cui sono state emesse obbligazioni green per circa 40.000 mln di dollari.

Nel 2016 il 35% del volume emesso in green bond arriva da società cinesi. Tra gli emittenti sovranazionali ha avuto un posto di primo piano la BEI (Banca Europea per gli investimenti) con collocamenti prossimi ai 4.000 mln di usd e la BIRS (Banca Internazionale per la ricostruzione e lo sviluppo). Il trend ascendente di questo segmento obbligazionario dimostra che gli investitori sono sempre più interessati a una tipologia di obbligazione che soddisfa due requisiti importanti: migliora la diversificazione del portafoglio e soddisfa il rispetto di scelte etiche. La rilevanza dei volumi emessi dalla BEI e dalla BIRS svolge un effetto traino per questi veicoli grazie all’elevata affidabilità creditizia dei due emittenti.

Per il futuro, il team di Moody’s delinea un tasso di crescita del segmento che dovrebbe consentire una ulteriore duplicazione, con volumi complessivi superiori ai 200.000 mln di dollari nel 2017. Il trend di crescita registrato negli ultimi anni mostra tassi molto elevati: basti pensare che nel 2010 i volumi complessivi di risorse raccolti da questa tipologia di bond non superavano i 4.000 mln di usd. 

Le buone prospettive di crescita delineate da Moody’s si basano sulle potenzialità offerte dall’espansione geografica e sull’aumento del numero di emittenti, tipologie di emissioni, veicoli d’investimento, struttura delle singole obbligazioni e, in particolare, sul supporto dell’effervescente mercato cinese (focalizzato sui temi imposti dal necessario ‘compromesso climatico’ che il paese dovrà raggiungere e su un programma ambizioso di sviluppo delle energie rinnovabili).

Il mercato dei green bond potrebbe trovare nuova linfa anche in alcune misure statali a livello globale per stimolare la raccolta di risorse da destinare a progetti ‘green’ attraverso incentivi di tipo fiscale o misure similari.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: cina, bei, birs, green
Come valuti questa notizia?
L’ascesa dei green bond Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
« Notizia precedente
L’information technology si impossessa di Wall Street
Notizia successiva »
Banche, il passato ritorna?
ARTICOLI CORRELATI
Il punto sulla Cina pubblicato il 27 novembre 2017
Bond governativi per chi vuole un po’ rischiare pubblicato il 1 dicembre 2017
2018, l'anno dell'unificazione dei mercati cinesi pubblicato il 11 dicembre 2017
Cresce la ricchezza mondiale pubblicato il 14 novembre 2017
I grandi nel 2018, chi salirà, chi scenderà pubblicato il 15 novembre 2017