Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

La Cina traina l'economia asiatica

04/05/2017

La Cina traina l'economia asiaticaI dati preliminari per l’area dell'est e del sud-est asiatico pubblicati da FocusEconomics nel report FocusEconomics Consensus Forecast East & South Asia confermano che l'accelerazione nella crescita economica della regione registrata nell'ultimo trimestre dell'anno passato prosegue anche nel 2017.

L'economia cinese in particolare nei primi tre mesi ha ripreso velocità, con una crescita del 6,2%, il dato migliore da un anno e mezzo a questa parte.

La crescita del Pil cinese nel primo quarto ha sorpreso al rialzo grazie principalmente alle esportazioni e a una robusta ripresa degli investimenti e della produzione industriale. Se a prima vista potrebbe sembrare che la Cina sta continuando a mettere in pratica le vecchie ricette per stimolare la crescita, un'analisi più attenta mette in evidenza che il gigante asiatico è ormai avviato su un percorso di ribilanciamento economico.

Nel primo trimestre infatti la ripresa degli investimenti è da attribuirsi principalmente alle società private, e non alle aziende a controllo statale. Inoltre la ripresa della domanda a livello globale ha sostenuto il settore manifatturiero, mentre il settore immobiliare ha continuato a crescere a ritmo sostenuto, fornendo un buon supporto alla domanda interna, nonostante le aspettative di un rallentamento paventate da più parti.

Per quanto riguarda l'India, i dati preliminari del primo trimestre suggeriscono che l'economia ha rallentato leggermente, dopo un terzo trimestre 2016 sorprendentemente robusto, ma gli analisti prevedono per il nuovo anno fiscale un'accelerazione della crescita al 7,3% grazie alla ripresa dei consumi, favorita da una stagione dei monsoni che si prospetta favorevole.

In Corea del Sud iniziano a spirare venti di cambiamento: il prossimo 9 maggio si terranno le elezioni presidenziali, che molto probabilmente segneranno una svolta nell'assetto politico del paese mettendo fine a un decennio di governi guidati dal partito  conservatore. I due candidati favoriti hanno entrambi manifestato l'intenzione di adottare una politica più morbida nei confronti della Corea del Nord, e se da un lato un atteggiamento più pragmatico può essere un elemento positivo che favorirà la stabilizzazione della regione, dall'altro potrebbe provocare frizioni con gli Sati Uniti, che al contrario hanno assunto di recente una posizione più aggressiva nei confronti di Pyongyang.

In ambito economico tutti e due i candidati hanno lasciato intendere che metteranno in atto una politica fiscale più espansiva, mentre adotteranno politiche più dure nei confronti delle chaebol, le grandi conglomerate a conduzione familiare come Samsung, Hyundai e LG, che sono diventate il simbolo del capitalismo sud-coreano. Inoltre, priorità per entrambi sarà la creazione di posti di lavoro, per contrastare la disoccupazione, in aumento soprattutto tra i giovani.

In generale, oltre ad un aumento della domanda legato al buono stato di salute delle economie cinese e indiana, la regione del sud-est asiatico sta beneficiando dell'espansione robusta nelle maggiori economie sviluppate e del miglioramento in atto in alcuni paesi emergenti esportatori di materie prime, grazie al rialzo dei prezzi delle commodity.

Inoltre, nonostante i rialzi dei tassi negli Stati Uniti, le politiche monetarie rimangono accomodanti in molte economie chiave del globo.

Di conseguenza, il panel di analisti consultati da FocusEconomics mantiene un outlook positivo per la regione, la cui economia dovrebbe continuare a crescere al ritmo del 6% anche nel 2017, per rallentare leggermente al 5,9% nel 2018.

A cura di: Paola Sacerdote
Parole chiave: Cina, Asia, crescita, Corea
Come valuti questa notizia?
La Cina traina l'economia asiatica Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
La Fed si prende una pausa di riflessione
Notizia successiva »
Fare meglio dell’inflazione Usa con gli HY bond
ARTICOLI CORRELATI
Corea del Nord, Fed e Bce nell’agenda della settimana pubblicato il 11 giugno 2018
Il variegato universo delle divise emergenti pubblicato il 1 agosto 2018
La vera minaccia di Pyongyang sull'Asia pubblicato il 25 ottobre 2017
Al posto dei Btp pubblicato il 8 giugno 2018
Un'Asia ancora fragile pubblicato il 20 giugno 2018