Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Le paludi della volatilità americana

02/08/2017

Arriviamo oggi alla terza parte della disamina sui rischi che comporta l'investire nel comparto It statunitense, che sta trascinando praticamente da solo l'intera Wall Street in questo 2017. La volta scorsa è stato evidenziato un ranking dei possibili rischi, mentre oggi passiamo a vedere come possono essere affrontati e adeguatamente coperti le diverse incognite: a fronte di uno scenario che evidenzia l'economia globale stabile, con gli Usa e il comparto It che perdono colpi a livello relativo, basta sostanzialmente trovare il modo per diversificare in maniera efficace. Ad esempio l'investimento nella tecnologia, che resta comunque un settore fondamentale in un portafoglio, potrebbe essere accompagnato da un’esposizione a livello globale a Etf o fondi attivi che abbiano l’Msci Acwi It come benchmark di riferimento. In questa maniera si montano alcune posizioni soprattutto verso i colossi asiatici di questo comparto, che stanno vivendo una stagione d'oro in termini di risultati e rerating.

Siccome, però, in particolare a livello di information technology collocarsi su un benchmark generale in qualche maniera significa comunque guardare al passato, un simile investimento dovrebbe essere accompagnato da acquisti di prodotti più specifici e focalizzati su nuove tecnologie quali robotica e intelligenza artificiale. Se poi si ritiene che a guidare le performance nel prossimo futuro siano altri driver, settoriali e geografici, in un contesto comunque globalmente positivo, si può puntare in generale su altri comparti e titoli del Nord-Est dell'Asia, che potrebbero manifestare un rerating positivo, e sull'Europa, che dovrebbe ricevere una spinta da parte di quei mercati (Italia e Spagna) che più hanno sottoperformato nell'ultimo decennio.

Quanto esposto in queste righe tende però ad aumentare in maniera significativa il beta complessivo del portafoglio nei confronti dell'andamento dell'economia globale e della propensione al rischio. Pertanto è interessante prendere in considerazione gli altri rischi evidenziati, cioè lo scenario in cui l'America continui ad andare bene grazie ad altri pilastri rispetto alla tecnologia e quello in cui invece si verifichi una crisi generale.

In entrambi i casi la scelta migliore sembra che sia comprare volatilità sulle aziende statunitensi. Sia che si tratti di investire su Cds sul debito di alcuni dei colossi Usa (non solo dell'It), sia che questo concetto preveda ad esempio di comprare opzioni su Etf basate sul Nasdaq 100 o composite o sull'S&P 500, non si può fare a meno di ricordare che oggi la volatilità implicita si paga storicamente pochissimo, con alcune differenze fra l'equity made in Usa a livello generale e l'high tech. A inizio agosto, infatti, l'indice Cboe delle implicite quotate sulle opzioni del Nasdaq 100 (l'equivalente per questo indicatore del Vix) era intorno a 14,8, un valore storicamente molto basso, anche se altrettanto non si può dire a livello relativo. Infatti per quanto riguarda la volatilità del Nasdaq 100, il suo livello attuale rappresenta circa il 18,8% dei picchi del 2008, il 33% di quelli del 2011 e il 49,1% di quelli dell'agosto del 2015. Questi momenti hanno costituito nell'ultimo decennio le tre fasi di maggiore avversione al rischio.

Per il Vix riferito all'S&P 500 le percentuali equivalenti sono: l’11,2% dei massimi del 2008, il 23,44% di quelli del  2011 e il 35,4% dell'agosto 2015. Inoltre come si può vedere il Vix attualmente scambia ancora ai minimi del movimento: livelli così bassi sono stati toccati solo nel gennaio del 2007 e a metà anni ‘90. La volatilità implicita del Nasdaq 100, invece, ha visto comunque un rialzo del 44% circa dal minimo toccato a marzo, segno della presenza di paure specifiche legate alla tecnologia. Di conseguenza la scelta migliore sarebbe scommettere sulla risalita di entrambi gli indicatori: da una parte la volatilità implicita del mercato in generale copre dai rischi di una crisi endogena degli Usa generale, dall'altra l'altro indice consente di proteggere specificatamente l'elevato beta del nostro portafoglio, sfruttando peraltro un trend che sembra già avviato.

A cura di: Alessandro Secciani
Parole chiave: It, Usa, diversificazione, rischio
Come valuti questa notizia?
Le paludi della volatilità americana Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Troppa calma sui mercati
Notizia successiva »
Povero dollaro
ARTICOLI CORRELATI
Italia, banco di prova per l’eurozona pubblicato il 7 giugno 2018
Lavori in corso per l’investitore italiano pubblicato il 11 aprile 2018
Il rischio Cambridge Analytica sui mercati pubblicato il 21 marzo 2018
Messaggi chiave per seguire i mercati pubblicato il 13 febbraio 2018
Lo stop loss per limitare il rischio pubblicato il 17 febbraio 2018