Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Eventi in grado di destabilizzare i mercati nel 2018

04/01/2018

Eventi in grado di destabilizzare i mercati nel 2018

Un flash crash del 25% a Wall Street e un’impennata seguita dal collasso del bitcoin sono tra i dieci eventi imprevisti (situazioni atipiche in grado di sconvolgere l’andamento dei mercati) stilati da Saxo Bank per l’anno appena iniziato

La Fed perde la sua indipendenza e il Tesoro Usa prende il testimone

La battaglia tra repubblicani e democratici per accaparrarsi il voto populista in vista delle elezioni legislative del novembre 2018 cancella ogni tipo di disciplina di bilancio e, unita al taglio delle tasse voluto da Trump, provoca l’avvio di una fase recessiva per l’economia Usa.

In uno scenario caratterizzato da tassi più alti e da pressioni inflazionistiche, la Fed perde il controllo della situazione e il Tesoro assume poteri di emergenza e obbliga la banca centrale a limitare i rendimenti dei Treasury bond a lunga scadenza al 2,5% per evitare un crollo del mercato obbligazionario.

La Bank of Japan è costretta ad abbandonare il controllo della curva dei rendimenti

In scia all’incremento dei rendimenti obbligazionari a livello globale, la divisa nipponica rischia il tracollo sul mercato dei cambi. Lo stato di allerta costringe la BoJ ad accelerare la sua politica di stimoli e le turbolenze colpiscono in pieno la valuta domestica.

Pechino lancia il Petro-renminbi

Lo yuan si rivaluta di oltre il 10% nel cross con l’usd. La Cina è il più importante importatore di petrolio e molti paesi esportatori sono felici di chiudere transazioni in yuan. Il ridimensionamento del potere Usa e il successo dei future sulle materie prime denominati in yuan, sostengono il lancio del future sul petrolio grezzo voluto dal Mercato Internazionale dell’Energia di Shanghai. L’introduzione del Petro-yuan porta a una rivalutazione della divisa cine del 10% rispetto al dollaro.

Flash crash del 25% a Wall Street

I livelli storicamente bassi di volatilità lasciano il passo a nuovi record di volatilità. I minimi storici toccati dagli indici Vix e Move coincidono con i massimi storici delle Borse e di alcuni mercati immobiliari. Il risultato è una bomba pronta a esplodere. L’indice Standard and Poor’s 500 perde il 25% del suo valore in poche sedute e segue un trend simile a quello visto nel 1987.

Gli elettori Usa premiano la sinistra alle elezioni legislative del 2018

Il deficit Usa si impenna e i rendimenti dei Trasury bond trentennali superano il 5%. La repulsione dei giovani per Trump, la crescente disuguaglianza aggravata dalla riforma fiscale voluta dai repubblicani e una nuova generazione di candidati democratici che non temono il ricorso allo stile del populista Sanders muovono in massa la generazione dei millennials verso le urne.

L’impero austro-ungarico minaccia di prendere il controllo dell’Europa

L’euro si sgonfia e raggiunge la parità con l’usd a causa dei problemi interni all’Unione Europea. La divisione tra i membri centrali dell’UE e quelli euroscettici raggiunge livelli tali da spostare l’asse portante dal tandem Germania-Francia al gruppo CEE.

Crollo del bitcoin

Il recente lancio di un future sui mercati ufficiali dei derivati negli Usa propizia una partecipazione massiccia di investitori privati e istituzionali alle negoziazioni. Il risultato è un rialzo del bitcoin che raggiunge il suo massimo nel 2018 superando i 60.000 usd. Poco dopo il boom si interrompe bruscamente. Russia e Cina si muovono per limitarne le negoziazioni o proibirle del tutto. La quotazione crolla in prossimità dei 1.000 usd.

La nuova primavera del Sudafrica

Un’onda di transizione democratica coinvolge l’Africa sub sahariana. La rinuncia forzata del presidente dello Zimbabwe, Robert Mugabe, nel corso del 2017, scatena una serie di cambi al vertice in altri paesi del continente. Il presidente sudafricano Zuma è obbligato ad abbandonare il potere. Il Sudafrica è il principale beneficiario del nuovo scenario e il rand si rivaluta del 30% rispetto alle principali divise. Il paese sperimenta tassi di crescita molto elevati e trascina anche gli Stati confinanti verso la crescita.

Tencent diventa la più grande società del pianeta. Apple perde il primato

I titoli del gigante tecnologico cinese hanno messo a segno una rivalutazione del 120% nel 2017. Tencent è così entrata a far parte della top five mondiale delle aziende per livello di capitalizzazione. Nel 2018 la rivalutazione delle sue azioni supererà di nuovo il 100% e scanserà Apple dal trono di società a più elevata capitalizzazione del pianeta.

Le donne rompono il ‘tetto di cristallo’

Nel 2017 solo il 6,4% dei Ceo aziendali alla guida delle società incluse nella lista Fortune 500 sono donne. Il cambio sta per arrivare. Nel 2018 le donne guideranno più di 60 delle 500 imprese incluse nella lista stilata da Fortune.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: bitcoin, mercati, cigni, fed
Come valuti questa notizia?
Eventi in grado di destabilizzare i mercati nel 2018 Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Italia in ripresa, resta il nodo disoccupazione
Notizia successiva »
Nessuno ha paura dei bond
ARTICOLI CORRELATI
Mercati in caduta, la visione negativa pubblicato il 9 febbraio 2018
Come evitare il panico sui mercati? pubblicato il 7 settembre 2018
India, povera ma bella pubblicato il 12 agosto 2018
Gli ottimisti d’autunno pubblicato il 22 agosto 2018
Una penalizzazione eccessiva per i frontier markets pubblicato il 3 settembre 2018