Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Una radiografia dell’economia Usa

17/01/2018

Una radiografia dell’economia UsaLa lettura della maggior parte dei dati che fotografano l’economia statunitense, conferma che il suo stato di salute ha registrato ulteriori miglioramenti nel 2017, tuttavia, le percezioni tendono a divergere

L’Università del Michigan ha comunicato lo scorso 22 novembre che l’indice di fiducia dei consumatori ha raggiunto i 98,5 punti, un dato superiore alla lettura preliminare di 97,8. L’indicatore evidenzia un calo rispetto ai 100,7 punti di ottobre, il livello più elevato da gennaio 2004.

Il tasso di disoccupazione si è ridotto al 4,1%, il livello più basso degli ultimi 17 anni. Le stime per l’inflazione 2018 indicano una variazione dei prezzi al consumo del 2,5% (il target inflation definito dalla Federal Reserve è al 2%). L’indice dei prezzi al consumo è cresciuto dell’1,6% a ottobre rispetto allo stesso mese del 2016. I prezzi degli alimentari e dell’energia sono lievitati dell’1,3%.

Le persone percepiscono lo stato dell’economia in modo soggettivo, in base alle possibilità di lavoro, alle prospettive di veder crescere il proprio reddito etc. Questa è la tesi del premio Nobel per l’economia Richard Thaler. L’economista è convinto che un altro fattore che svolge un ruolo rilevante nella percezione soggettiva dello stato in cui versa l’economia di un paese è l’ideologia politica.

Janet Yellen, governatrice uscente della Fed, ha affermato che spera in un raffreddamento dell’inflazione nell’arco del prossimo biennio, ma che non c’è alcuna evidenza che ciò accadrà con certezza. Secondo la Yellen –la cui rimozione è stata fortemente voluta da Donald Trump- , il capo della Casa Bianca dovrebbe ringraziare Obama per il lavoro fatto e non prendersi il merito per l’attuale crescita economica. L’arrivo di Trump non può spiegare da solo l’arrivo della crescita nella maggior parte dei continenti e la vigoria sperimentata dai mercati azionari.

Trump ha promesso di riportare l’economia Usa su livelli di crescita annui prossimi al 4% attraverso l’adozione di una regolamentazione meno rigida e minori imposte. L’obiettivo del presidente è fomentare gli investimenti e l’innovazione. Le critiche formulate dall’economista Paul Krugman si fondano sull’idea che tale ritmo di crescita annuo del Pil sarebbe insostenibile per l’economia domestica perché le aziende incontrerebbero enormi difficoltà nella ricerca delle professionalità di cui hanno realmente bisogno.

Nel 2017 la variazione del Pil Usa è stata del 3%, esattamente al punto in cui l’ha lasciata Obama e la disoccupazione al 4,1% con un forte ricorso ai contratti a tempo determinato. Nel suo ultimo intervento, la Yellen ha sottolineato che la maggior parte dei nuovi occupati si concentra nei settori retail e alimentazione, caratterizzati da salari molto bassi. Secondo Krugman, nel periodo post recessione ben otto milioni di statunitensi sono rimasti a lungo senza lavoro e questo impedirà a molti di loro di rientrare nel range dei salariati ben remunerati.

Per quanto riguarda il mercato immobiliare, la maggior parte degli statunitensi crede che, dopo la recente corsa al rialzo dei prezzi, il mercato delle abitazioni tenderà a rallentare nei prossimi anni (la prudenza è d’obbligo in un paese che non ha ancora dimenticato i disastri dei mutui subprime, il tracollo del mercato azionario e l’avvio di una fase profondamente recessiva per l’economia).

Sia la Fed che il Tesoro Usa ipotizzano che l’economia si riprenderà completamente dalla recessione sofferta nel 2007-2009 entro il 2020 e che la forza del mercato del lavoro sarà tale da riportare la piena occupazione. La maggiore crescita degli occupati è prevista nel settore dell’assistenza medica e di altre forme di supporto sociale con 5,7 mln di nuovi occupati. Il secondo settore più dinamico sarà quello tecnologico (3,7 mln di nuovi posti di lavoro) in scia alla digitalizzazione delle imprese e dell’economia nel suo complesso.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: usa, yellen, trump, occupazione
Come valuti questa notizia?
Una radiografia dell’economia Usa Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
I bitcoin visti dai pessimisti
Notizia successiva »
Pro e contro la riforma fiscale Usa
ARTICOLI CORRELATI
Pace temporanea sui dazi tra Usa e Cina pubblicato il 4 dicembre 2018
Affare Huawei, ormai è guerra fredda pubblicato il 7 dicembre 2018
Opec e quadratura del cerchio pubblicato il 11 dicembre 2018
Usa, le ragioni della Fed pubblicato il 2 novembre 2018
Elezioni di mid term, ai mercati vanno bene pubblicato il 9 novembre 2018