Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Il bitcoin è vivo

02/03/2018

Il bitcoin ha realizzato il suo massimo il 17 dicembre dell’anno scorso a quota 19.016 dollari e dopo 50 giorni, il 6 febbraio di quest’anno, ha toccato il minimo a 6.033. Attualmente viaggia intorno a 11 mila dollari, con di fatto una quotazione quasi doppia rispetto al fondo, per poi ritracciare e ripartire negli ultimi giorni, che peraltro non sono stati particolarmente favorevoli per i mercati in generale.

Questo andamento, decisamente fuori dalle regole, per un prodotto che è di per sé completamente fuori da ogni criterio finanziario conosciuto, può però fornire una serie di indicazioni abbastanza interessanti. Vediamo le principali.

Il bitcoin è vivo. Per quanto ci riguarda la più importante delle criptovalute non ha neppure minimamente una base concreta: non si riferisce a un’economia, non ha riserve auree e valutarie alle spalle, non c’è una banca centrale che lo emette, non ha alle spalle una politica monetaria. Per di più sulla trasparenza delle transazioni ci sono molti dubbi. Ma è fuori discussione che, pur essendo in una bolla evidente anche a un cieco, il bitcoin ha superato la sua crisi più pesante. Ha perso circa i due terzi del suo valore massimo, ma di questi due terzi ne ha recuperato per ora uno. Chi pensava che il bitcoin al primo vento contrario affondasse e venisse spazzato via è stato indubbiamente smentito.

Volatilità. I livelli di volatilità del bitcoin non sono nemmeno paragonabili a quelli di qualsiasi altro mercato, anche il più speculativo, però è indubbio che il fenomeno si è palesato sia in senso positivo, sia negativo. I rialzi sono stati quasi altrettanto ampi e veloci dei ribassi.

Presenza di una solida base di investitori. Un’altra caratteristica che ha sorpreso è che una grande quantità di investitori, pur avendo preso pesanti bastonate nelle settimane passate, è rimasta sul mercato. Molti hanno venduto nel momento in cui era ancora possibile realizzare consistenti guadagni e sono rientrati non appena si sono visti i primi segnali di inversione: non a caso è stata sostenuta una ripresa estremamente consistente che ha determinato nuovi velocissimi guadagni.

La migliore delle criptovalute. Per il momento, almeno sulla base dei comportamenti più recenti, il bitcoin ha dimostrato di essere la più solida fra le cripto: l’ethereum, che è per capitalizzazione la seconda per importanza, è sceso da 1.415 dollari toccati il 13 gennaio 2018 fino a 579 il 6 febbraio, annientando anche in questo caso quasi due terzi del suo valore. Attualmente è risalita fino a 860, riprendendo circa un quarto di quanto aveva perso, quindi molto meno bene rispetto al bitcoin. Il ripple, la terza cripto, è sceso da un massimo di 3,28 a un minimo di 0,57, per risalire poi fino agli attuali 0,90 circa.

Conclusione. Sicuramente da parte nostra non ci sentiremmo di consigliare a nessuno di speculare sul bitcoin e tanto meno sul circa migliaio di criprovalute esistenti sul mercato: però è indubbio che queste monete virtuali, almeno le più importanti e soprattutto le più liquide, hanno superato la prima vera crisi piuttosto bene. È tutto da dimostrare che riusciranno a fare altrettanto di fronte a nuove eventuali perturbazioni, ma essere uscite con perdite ragionevoli da una conclamata bolla non è stato elemento da poco.

Che fare a questo punto? Probabilmente, se proprio si crede in questo settore, se si è ultra-convinti che il futuro sia dalla parte delle cripto, può valere la pena studiare i possibili livelli di entrata e di uscita e giocare qualche euro. Ovviamente restando sempre nell’ambito di un gioco.

A cura di: Alessandro Secciani
Come valuti questa notizia?
Il bitcoin è vivo Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Il Btp dipende più da Berlino che da Roma
Notizia successiva »
Una nuova mina vagante per l’Eurozona
ARTICOLI CORRELATI
I vantaggi della prudenza pubblicato il 12 marzo 2018
Togliere qualcosa dal tavolo pubblicato il 7 marzo 2018
Volatilità da comprare, non da vendere pubblicato il 23 febbraio 2018
I bitcoin visti dai pessimisti pubblicato il 17 gennaio 2018
Il bitcoin visto dagli ottimisti pubblicato il 19 gennaio 2018