Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Torna l’appeal per i titoli di stato

09/04/2018

Dopo una fase di calo delle quotazioni pilotata dalle attese per un’inversione di tendenza della politica monetaria da parte della Fed e della Bce, i titoli di stato più sicuri si sono riappropriati del ruolo di porti sicuri in uno scenario incerto

Il debito sovrano europeo a medio e lungo termine sembra non aver ancora detto l’ultima parola in termini di rendimento. A partire dal 2012, gli intensi e prolungati stimoli della Bce hanno alimentato i rialzi delle quotazioni –e determinato in parallelo un calo fino ai minimi storici dei rendimenti annui offerti da queste emissioni sovrane-, incanalandole in un processo che si è avviato verso la fase di ripiegamento, ma che offre ancora sprazzi di performance positiva nel breve termine.

Come si evince dalle asset allocation degli investitori istituzionali e dai flussi d’investimento che fotografano il mercato dei fondi comuni e degli exchange traded funds, i titoli di stato emessi dai paesi dell’eurozona non sono al top delle preferenze per il 2018, in scia all’ipotesi che la riduzione del programma di acquisto titoli ideato dalla Bce possa innescare una fase prolungata di contrazione delle quotazioni e un rialzo dei rendimenti.

Tuttavia, a dispetto di questo scenario di riferimento, la volatilità dei listini azionari (e in particolare la caduta registrata a febbraio) si è trasformata in un valido – e inatteso- alleato delle obbligazioni sovrane europee, che hanno registrato nuovi record ed hanno temporaneamente messo in disparte le previsioni di un’inversione di tendenza per la politica monetaria nell’eurozona nel corso del 2019.

Negli ultimi giorni di negoziazione, i bond sovrani stanno traendo vantaggio dai timori che scuotono i listini azionari, alimentati dalla minaccia statunitense per l’avvio di un conflitto di tipo commerciale e dai problemi che stanno interessando colossi dell’It come Facebook. Le Borse avevano già accusato il colpo lo scorso febbraio, ma in quell’occasione i titoli di stato non svolsero un ruolo da asset rifugio per i timori di un’accelerazione del processo di normalizzazione dei tassi d’interesse da parte delle banche centrali e per la potenziale fine del ciclo economico positivo.

Durante le ultime sedute, i timori si sono concentrati solo sulle Borse e, come già accaduto in tante altre occasioni, i capitali hanno cercato rifugio in titoli obbligazionari molto liquidi e dotati di elevati livelli di affidabilità creditizia. La paura per un crollo dei listini è sempre dietro l’angolo e sembra essere tale da non tener conto dei livelli di rendimenti prossimi allo zero offerti dai sovereign bond denominati in euro.

Nelle ultime du settimane di negoziazioni, il rendimento del Bund decennale è sceso allo 0,473% , vicino al minimo annuo, per chiudere a 0,497%. Restando nel Vecchio Continente e nel perimetro dei titoli con rating massimo, il decennale danese ha chiuso ai minimi da gennaio con un rendimento dello 0,516% e quello svizzero, valore rifugio per eccellenza, alo 0,013%.

Anche il movimento registrato dai Treasury Bond statunitensi conferma la fuga verso le obbligazioni di qualità, con il rendimento del Treasury decennale sceso dal 2,9% al 2,76% (a febbraio il rendimento del decennale Usa era arrivato a toccare il 3%). La paura ha potuto più delle revisioni al rialzo della crescita del Pil Usa, che la settimana scorsa ha confermato una crescita del 2,9% nel quarto trimestre del 2016.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: bond, titoli di stato, spread, bund
Come valuti questa notizia?
Torna l’appeal per i titoli di stato Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Un anno incerto per gli high yield bond
Notizia successiva »
Cina, colpisci dove fa male, ma senza esagerare
ARTICOLI CORRELATI
Bund, forse la corsa è finita pubblicato il 5 luglio 2018
Italia, banco di prova per l’eurozona pubblicato il 7 giugno 2018
Al posto dei Btp pubblicato il 8 giugno 2018
Il ritorno degli high yield bond pubblicato il 4 luglio 2018
Meglio un approccio cauto sui bond pubblicato il 6 luglio 2018