Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

In Europa i dividendi più ricchi arrivano dalle Telecom

14/05/2018

Le prime otto telecom companies europee per livello di capitalizzazione offrono un rendimento da dividendo medio del 5,4%, un valore superiore a quello offerto dalle società petrolifere, elettriche e finanziarie, che erogano ai rispettivi azionisti cedole comprese tra il 4,6% e il 4,9%.

Con il settore delle telecom europee ancorato ai minimi dal 2013 in seguito a una caduta delle quotazioni del 6,7% accumulata nei primi due mesi dell’anno –la peggiore perfomance settoriale Ytd dopo quella del comparto beni di consumo per la cura della persona- e la conferma dei livelli di utili distribuiti agli azionisti negli ultimi anni, il dividend yield di queste società – in particolare di quelle a capitalizzazione più elevata- si presenta molto allettante.

L’attuale politica dei dividendi delle telecom trova supporto nella generazione di flussi di cassa che consente di ipotizzare, senza troppi timori di essere smentiti, che gli attuali livelli di remunerazione degli azionisti siano sostenibili.

L’ammontare complessivo dei dividendi si posiziona al 60% dei flussi di cassa. Nel 2018 le otto grandi telecom europee distribuiranno 16.390 mln di euro sui 26.000 mln di flussi di cassa previsti. Con le dovute differenze in termini di ratio dividendi/cash flow, tutte e otto le società saranno in grado di far fronte al pagamento dei dividendi con l’utilizzo dei flussi di cassa. L’unica società che ha comunicato di dover far ricorso al 100% del cash flow (percentuale che dovrebbe scendere al 90% nel 2019) per onorare gli impegni presi con gli azionisti è la svedese Telia.

Dopo anni di tagli delle stime, le telecom companies hanno beneficiato di una revisione al rialzo dei flussi di cassa. Le attese per l’anno in corso sono state riviste al rialzo del 2% e quelle per il 2019 dell’8%. La penalizzazione sofferta negli ultimi anni è imputabile all’effetto combinato di tre fattori: l’adozione di una regolamentazione più restrittiva, le elevate necessità di investimenti e i ritardi nel processo di consolidamento.

Il cambio di scenario può fare affidamento su previsioni meno restrittive sul fronte della regolamentazione normativa delle attività del settore (ma in ogni caso più astringenti rispetto alla normativa statunitense) e sull’accelerazione del processo di consolidamento in scia alle minori pressioni legislative.

La correzione delle quotazioni delle telecom companies ha sicuramente creato delle buone opportunità d’investimento, tuttavia, gli esperti sottolineano la necessità di essere selettivi. In particolare, il consiglio è quello di puntare sulle società che dispongono di margini di manovra ampi, tali da poter affrontare sia il processo di consolidamento sia le inattese virate normative poco favorevoli al business del settore.

Le società meno favorite dagli analisti sono quelle in cui gli Stati hanno un peso rilevante. E’ questo il caso dell’elvetica Swisscom (di cui lo Stato controlla il 51% delle azioni), la norvegese Telenor (lo Stato detiene il 54% delle azioni) e la svedese Telia ( di cui lo Stato detiene il 37% del capitale). Le telecom favorite nell’attuale scenario sono Orange, Vodafone e Deutsche Telekom. Tra le tre, Vodafone è quella che offre un dividendo più elevato con il 6,6%. La maggior parte degli esperti del settore considera la francese Orange la migliore scelta in virtù di un ebitda in fase crescente fino al 2020.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: telecom, dividendi, europa, settori
Come valuti questa notizia?
In Europa i dividendi più ricchi arrivano dalle Telecom Valutazione: 1/5
(basata su 1 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Petrolio, in pieno bull market
Notizia successiva »
Il ritorno del biglietto verde
ARTICOLI CORRELATI
Il variegato universo delle divise emergenti pubblicato il 1 agosto 2018
Gli utili continuano a sostenere i dividendi pubblicato il 22 maggio 2018
La flessione europea pubblicato il 3 luglio 2018
Il termometro lusso pubblicato il 6 luglio 2018
Oro, un paradosso sui mercati pubblicato il 11 luglio 2018