Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Sei anni di Abenomics

24/05/2018

Sei anni di Abenomics

Alla fine del 2017, l’economia del Sol Levante si presentava molto più forte rispetto a quando Abe ha conquistato il favore degli elettori giapponesi, tuttavia, i progressi non sono stati tali da poter affermare che la rivoluzione promessa si sia compiuta

L’adozione di una politica monetaria ultraespansiva –fattore chiave della politica nota al grande pubblico con il nome di Abenomics- ha aiutato il paese ad allontanare lo spettro della deflazione che aleggiava ormai da qualche decennio. La debolezza dello yen ha dato nuova linfa alle esportazioni, agli utili conseguiti dalle imprese e al mercato azionario domestico.

Nonostante ciò, gran parte del potenziale espresso non ha sortito gli effetti sperati all’inizio del primo mandato di Abe. I consumi interni continuano a non mostrare l’accelerazione sperata, le imprese non adottano i tanto attesi incrementi salariali. Imprese e famiglie sono sempre più preoccupate per il forte invecchiamento della popolazione e per la stagnazione delle nascite. Infine, l’enorme debito pubblico –seppure sotto controllo- rappresenta una variabile da non sottovalutare nel lungo termine.

Crescita
La traiettoria seguita dalla crescita appare modesta e necessita di uno scossone per poter centrare gli obiettivi delineati dal premier. Intendiamoci, i risultato non è stato per nulla deludente perché il Pil nipponico è cresciuto di ben 494 mld di usd (più del Pil annuo di un paese industrializzato come il Belgio) da quando Abe è al potere, ma non tale da scuotere un’economia che nuotava nella deflazione. Un dato incoraggiante riguarda i nuovi investimenti, flusso che dovrebbe indicare una crescita più sostenuta in futuro.

Debito
Il debito pubblico si è stabilizzato intorno al 240% del Pil (secondo le stime fornite dal Fondo Monetario Internazionale). Si tratta di un successo rispetto a quanto fatto su questo versante dai suoi predecessori, tuttavia, il peso del debito è nettamente il più elevato tra quelli delle economie più industrializzate del pianeta e le probabilità di poterlo ridurre sono davvero poche. Il dato che più preoccupa è che la progressiva decrescita della popolazione provocherà un incremento del debito medio pro-capite.

Occupazione
Uno dei successi più evidenti della gestione Abe è quello ottenuto nel mercato del lavoro. Attualmente il numero di occupati è superiore di 2.7 mln rispetto a cinque anni fa. Nello stesso periodo di tempo, il numero complessivo dei disoccupati si è ridotto di 1,1 mln. Gran parte del miglioramento è ascrivibile al rientro di molte donne nel mondo del lavoro. Il Governo si era dato obiettivi ancora più ambiziosi: il 30% delle posizioni di rilievo dovevano essere occupate da donne entro il 2020 (i dati mostrano che siamo lontani da tale target).

Produttività
La frenata della produttività in alcuni settori chiave è la nota dolente della gestione Abe. L’industria e il turismo sono i settori che hanno centrato un incremento della produttività. Il settore dei servizi –che impiega il 70% della forza lavoro- ha registrato un calo del 10% tra il 2003 e il 2016. Sintomi di debolezza interessano anche l’agricoltura. Anche se la decelerazione della produttività è un trend globale, le riforme strutturali di Abe puntavano a invertire il trend.

La sfida di Abe è ancora tutta da giocare. Il premier è consapevole che il Giappone sarà in grado di continuare a gestire con calma la montagna del debito pubblico e il trend di invecchiamento della popolazione solo se la crescita del Pil e quella della produttività saranno al’altezza della situazione.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: abe, yen, tokio, giappone
Come valuti questa notizia?
Sei anni di Abenomics Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Un’Italia con pochi margini
Notizia successiva »
Aumenta la pressione sulle valute emergenti
ARTICOLI CORRELATI
Abe consolida la sua leadership pubblicato il 21 settembre 2018
Giappone, occhi puntati sull'incognita Abe pubblicato il 17 luglio 2018
Una piccola lezione dal Giappone pubblicato il 6 giugno 2018
Messaggi chiave per seguire i mercati pubblicato il 13 febbraio 2018
Il Giappone è già pronto per le sfide del 2018 pubblicato il 18 dicembre 2017