Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

La Fed sosterrà le small cap Usa

06/11/2018

La Fed sosterrà le small cap UsaNel primo semestre le azioni delle società statunitensi di piccole e medie dimensioni sono cresciute più del doppio rispetto alle loro omologhe più grandi, e ci sono ragioni fondate per credere che questo sia solo l’inizio. 

Gli studi sulla storia del mercato azionario statunitense e le attuali condizioni economiche suggeriscono che possa trattarsi dell’inizio di un lungo periodo di sovraperformance. Nei primi sei mesi del 2018 l’indice Russell 2000 ha guadagnato il 7,7% da inizio anno, rispetto al 2,7% messo a segno dall’indice S&P 500. Questa sovraperformance segnala un drastico cambiamento del sentiment, se si considera che nel 2017 le società di minori dimensioni non riuscivano a stare al passo del mercato più ampio.

Se le condizioni di fondo rimarranno favorevoli, potremmo anche trovarci in una fase di svolta per i gestori attivi operanti nell’universo delle small cap Usa, molti dei quali hanno faticato a sovraperformare il benchmark negli ultimi anni. Le correlazioni incrociate nel mercato azionario sembrano diminuire.

Se questa tendenza fosse confermata, i gestori attivi avranno più occasioni per sovraperformare i loro concorrenti passivi, in quanto un’efficace selezione dei titoli può rivelarsi vincente in questo contesto.

Diversi fattori lasciano intendere che non si tratti di un semplice slancio estemporaneo.

Riscontri empirici evidenziano infatti che le società di minori dimensioni tendono a sottoperformare le large cap quando i tassi d’interesse scendono ma a sovraperformare quando i tassi salgono. Dal 1962, anno a cui risalgono i primi dati affidabili, si sono susseguiti tre periodi ben distinti per i tassi d’interesse, con tre esiti netti per le small cap – e in questo momento potremmo essere alle porte del quarto ciclo.

Tra il 1962 e il 1981/82, i rendimenti dei Treasury decennali passarono da circa il 4% al 15% e, parallelamente, le small cap statunitensi registrarono una notevole sovraperformance: mentre l’S&P 500 guadagnava il 7,6% annuo, le società a bassa capitalizzazione rendevano il 13%.2 Successivamente, dal 1982 fino allo scoppio della bolla dotcom nel 2001, i rendimenti dei Treasury crollarono dal 15% a circa il 4%. Mentre i tassi d’interesse diminuivano, il rendimento delle società a bassa capitalizzazione si fermava al 13% annuo mentre quello dell’S&P 500 sfiorava il 17%.

Poi siamo entrati nel terzo periodo. Dal 2003, i rendimenti dei Treasury si sono mossi in un range piuttosto ristretto mentre small e large cap si contendevano la sovraperformance con esiti incerti e altalenanti, fornendo un quadro contrastato.

Un modo alternativo per ripartire i dati consiste nel dividere l’intero periodo di 56 anni in due gruppi: i mesi in cui i tassi d’interesse sono saliti e quelli in cui sono scesi. Anche questa analisi svela che le società a bassa capitalizzazione tendono a brillare nelle fasi di rialzo dei tassi.

Nei mesi in cui i tassi d’interesse salivano, l’S&P 500 rendeva il 6,1% a fronte del 14% delle small cap; viceversa, nei mesi di calo dei tassi d’interesse le large cap rendevano il 14,9% mentre le small cap il 10%.

Perché il rialzo dei tassi favorisce le società più piccole

Perché le small cap dovrebbero sovraperformare le large cap quando i tassi aumentano? Il motivo è in parte riconducibile alla loro esposizione all’economia interna statunitense. Le small cap dipendono fortemente dalle condizioni dell’economia statunitense e un aumento costante dei rendimenti dei Treasury è indice di una fiducia crescente. Le società a bassa capitalizzazione generano circa l’80% dei loro fatturati sul mercato interno mentre per le loro omologhe più grandi il dato equivalente è molto inferiore, fermo attorno al 55%-60% . In altre parole, le small cap replicano in qualche modo la performance dell’economia interna mentre le large cap tendono a riflettere le condizioni prevalenti sulla scena internazionale.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: small cap, fed, equity, usa
Come valuti questa notizia?
La Fed sosterrà le small cap Usa Valutazione: 5/5
(basata su 1 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Che cosa porterà la fine del quantitative easing della Bce
Notizia successiva »
Il punto sui Btp
ARTICOLI CORRELATI
Small Cap, Usa ed Europa a confronto pubblicato il 8 novembre 2018
Una Star a Piazza Affari pubblicato il 17 settembre 2018
La fase di espansione negli Stati Uniti sta per finire? pubblicato il 20 settembre 2018
Un mondiale neutrale per l’equity russo pubblicato il 25 giugno 2018
Small cap, ancora il meglio dell’Europa pubblicato il 14 febbraio 2018