Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Il petrolio ha scontato una recessione non pervenuta

15/01/2019

Il petrolio ha scontato una recessione non pervenutaIl prezzo del barile di petrolio di tipo Brent –quello di riferimento per il mercato europeo- è sceso fino a toccare i 50 usd al barile lo scorso 24 dicembre, accumulando un calo del 41% rispetto ai massimi dell’anno registrato lo scorso ottobre. 

Gli analisti ritengono che la quotazione del 24 dicembre rappresenti un livello floor per il barile di brent nel medio termine. Tale quotazione inglobava e scontava uno scenario molto pessimista per la crescita dell’economia globale e una conseguente debolezza della domanda di greggio. Da quei minimi, la quotazione ha recuperato circa il 19% e si posiziona attualmente introno ai 59 dollari.

Secondo alcuni esperti del settore energy, l’accordo siglato tra i paesi membri del cartello petrolifero Opec e i suoi alleati per tagliare la produzione di 1,2 mln di barili giornalieri, il tracollo subito dalla produzione in Venezuela e Iran e i saliscendi manifestati dalla produzione di alcuni paesi produttori instabili (Libia e Nigeria), potrebbero essere sufficienti a riportare la quotazione media del barile di brent nel corso del 2019 in prossimità dei 70 usd.

Ragioni a supporto del recupero della quotazione nel 2019

Cresce il numero di esperti che ritiene sia stato eccessivo il calo delle quotazioni del barile. Il movimento è giustificato solo dall’aver scontato l’arrivo di uno scenario troppo negativo per l’economia globale nel 2019. Passata la bufera di fine 2018, nonostante la presenza di rischi in accumulazione e di una maggiore volatilità sui mercati, un numero crescente di esperti ritiene che le prospettive siano relativamente buone per il 2019.

I mercati hanno reagito in modo brusco alla pubblicazione di una serie di dati che mostrano una sensibile contrazione della crescita del Pil in alcune macro-aree. Anche se questi indicatori evidenziano un rallentamento tipico della fase conclusiva di un ciclo economico espansivo, i mercati hanno interpretato il tutto come le prime avvisaglie dell’arrivo imminente di una fase recessiva. La quotazione del petrolio è stata rapidamente contagiata da quest’ipotesi ed ha patito marcatamente gli scenari delineati dai più pessimisti. Il risultato è sotto gli occhi di tutti: il prezzo ha sperimentato un andamento degno delle montagne russe.

L’Opec e gli Usa

La combinazione tra tagli apportati dall’Opec e decelerazione dell’attività petrolifera negli Stati Uniti, sarà in grado di determinare un tetto all’offerta nel 2019. Fino a questo momento, la fase iniziale del nuovo anno è stata favorevole al recupero delle quotazioni, che si sono riportate a ridosso dei 60 usd al barile. Il taglio dell’Opec e le esenzioni concesse da Trump a diversi paesi per poter continuare ad acquistare petrolio iraniano, lasciano ancora spazi di recupero al prezzo. Le esenzioni scadranno in aprile, in coincidenza della data fissata dall’Opec per rivedere nuovamente i pesi produttivi.

L’Opec tornerà a riunirsi ad aprile. Se il recupero delle quotazioni sarà duraturo, gli esperti ipotizzano che il cartello non avrà bisogno di ampliare l’accordo relativo ai tagli alla produzione. Un mercato più equilibrato nella seconda metà dell’anno, dovrebbe garantire una maggiore stabilità. La chiave dell’equilibrio è l’evoluzione della domanda di petrolio (variabile che ha mosso le quotazioni nella parte finale del 2018).  Le turbolenze sui mercati e i timori per una decelerazione dell’economia hanno alimentato aspettative molto negative per la domanda di greggio. Se i dati dovesser mostrare una decelerazione lieve, la situazione potrebbe migliorare in tempi non lunghi.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: brent, barile, quotazioni, domanda
Come valuti questa notizia?
Il petrolio ha scontato una recessione non pervenuta Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Cina, un altro rischio non scontato
Notizia successiva »
Brexit, massima incertezza
ARTICOLI CORRELATI
Il greggio spinge le oil companies pubblicato il 4 marzo 2019
Casa, un mercato spaccato in due pubblicato il 29 marzo 2019
Immobili, guadagnare si può pubblicato il 1 febbraio 2019
Il petrolio chiude un mese in ascesa pubblicato il 1 febbraio 2019
Casa di prestigio, non tramonta mai il sole pubblicato il 22 febbraio 2019