Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Italia, bene i titoli del lusso, male i finanziari

20/03/2019

Italia, bene i titoli del lusso, male i finanziariL’attuale atteggiamento ed esposizione degli investitori internazionali nei confronti del mercato italiano è particolarmente cauto a causa delle incertezze sul quadro economico e politico.

In particolare, sul settore finanziario le posizioni ribassiste aperte sono su percentuali molto elevate. In questo scenario una progressiva stabilizzazione economica, unita a uno stemperarsi delle tensioni politiche tra istituzioni italiane ed europee, determinerebbe un riposizionamento con un potenziale forte impatto su un mercato non particolarmente liquido come quello italiano.

I mercati mondiali (non solo quello italiano) hanno recuperato terreno dopo le forti vendite registrate nell’ultimo trimestre dello scorso anno. Appare probabile che il rally sia solo una conseguenza di vendite del mercato azionario troppo forti nel trimestre precedente (catch up effect). I rischi geopolitici che hanno caratterizzato il mercato nel 2018, saranno nuovamente protagonisti nel 2019.

Con la Legge di Bilancio 2019, il governo ha introdotto il reddito di cittadinanza come misura contro la povertà. Fuori dall’Europa, la Cina ha messo in atto stimoli a sostegno della crescita e queste misure dovrebbero sostenere la domanda interna con un impatto positivo anche per l’Eurozona. Per queste ragioni è ipotizzabile che ci possa essere un rallentamento dell’economia, ma che non sarà un rallentamento violento, un hard-landing. 

Secondo alcuni gestori, con il rialzo dei mercati nei primi mesi dell’anno, l’eccesso di pessimismo è stato corretto e oggi lo sconto sui titoli che si era creato non è più così ovvio. Da queste considerazioni si evince che il mercato, da qui a fine anno, non abbia uno spazio enorme di rialzo. Non si può escludere, tuttavia, che possa andare più su a seconda di possibili annunci positivi sulle varie vicende. In tutti i casi, c’è da aspettarsi volatilità durante l’anno, ma se l’economia va come da stime previsionali, il mercato non avrà tutto questo spazio di rialzo.

Per quanto riguarda l’esposizione al listino azionario milanese, nei diversi settori, i gestori tendono a privilegiare titoli solidi a livello patrimoniale, legati a business non troppo ciclici e caratterizzati da alto flusso attuale e prospettico di dividendi. Da evidenziare un sovrappeso sui titoli appartenenti al settore petrolifero mentre sul comparto finanziario la scelta cade sui titoli assicurativi a scapito dell’esposizione su quelli bancari.

Detto ciò, ci sarà molta divergenza tra i vari settori. Ad esempio, i money manager continuano a favorire il settore del lusso, guidato principalmente da un aumento della domanda nel mercato cinese. Al contrario, risulta essere ancora bassa l’esposizione al settore finanziario in quanto le banche Italiane presentano ancora troppe criticità e sono troppe esposte al “rischio Italia”.

In aggiunta, il quadro macroeconomico è in peggioramento come dimostrato dai deludenti dati dell’indice manifatturiero e dalla minore fiducia di imprese e consumatori. Tutto ciò si riflette in minori stime di crescita economica, come confermato di recente dalla Bce. In Italia, oltre alle problematiche generali descritte sopra, si aggiunge una situazione politica di estrema confusione. In siffatto scenario è difficile che il mercato Italiano posso attirare investimenti in un contesto non favorevole alle riforme che il Paese necessita. Una maggiore stabilità politica e politiche pro-Europa porterebbero ad avere un outlook più positivo sul mercato Italiano. 

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: lusso, finanziari, italia, borsa milano
Come valuti questa notizia?
Italia, bene i titoli del lusso, male i finanziari Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Alternative alle Faang
Notizia successiva »
Quali gambe ha questo toro?
ARTICOLI CORRELATI
Il pendolo dei mercati finanziari pubblicato il 3 aprile 2019
Variabili chiave per il futuro della Borsa Usa pubblicato il 15 aprile 2019
Lusso, appeso alla Cina pubblicato il 26 aprile 2019
Paperoni nel mondo: calano nel mondo, ma in Italia sono aumentati pubblicato il 15 luglio 2019
Un futuro ancora incerto per Piazza Affari pubblicato il 18 marzo 2019