Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Investire nel lusso in tempi di incertezza

26/03/2019

Investire nel lusso in tempi di incertezzaIl lusso è un settore molto interessante se si analizza il rendimento annualizzato degli ultimi dieci anni conseguito dall’indice Global Luxury Index. La performance annualizzata è a due cifre, includendo le cadute registrate alla fine del 2008. 

Uno dei settori che a prima vista potrebbero rientrare nel novero dei più danneggiati a causa di una netta decelerazione dell’economia è quello del lusso. Le società appartenenti a questo settore tendono a metabolizzare nel peggiore dei modi i timori e i dubbi sull’evoluzione futura della crescita economica mondiale e, in modo particolare, quella cinese, che ha svolto un ruolo ‘salvavita’ durante l’ultima crisi economico finanziaria che si è abbattuta sull’economia globale.

Tuttavia, sono in molti a sostenere che ad ogni retromarcia temporanea sperimentata dai titoli del settore lusso potrebbe corrisponfdere una buona opportunità per incrementare l’esposizione all’equity del comparto. Il motivo? Quello del lusso viene da sempre considerato un business dalle caratteristiche digensive.

Nel primo bimestre del 2019 i titoli del lusso hanno sofferto nei listini localizzati in ogni area del pianeta ed hanno accusato perdite superiori a quelle registrate dagli indici allargati di cui fanno parte. Il calo ha trovato spazio nonostante la pubblicazione di dati di bilancio molto positivi, con una crescita delle vendite superiore al 5%. Per questa ragione, gli analisti tendono a spiegare il dietrofront delle quotazioni con i timori per l’arrivo di una recessione e con un mancato soft landing per l’economia cinese (tale da far sentire i suoi effetti negativi sulla domanda di beni di lusso). Per questo motivo, gli esperti invitano gli investitori che vogliano assumere un’esposizione a questo comparto a seguire da vicino la pubblicazione dei prossimi dati macro-economici.

Il mercato cinese rappresenta un terzo del mercato mondiale del lusso, una percentuale che dice molto sui timori per l’evoluzione dell’economia del gigante asiatico. L’importanza di Pechino non si ferma all’assorbimento di più del 30% della prosuzione ma si spinge anche a svolgere il ruolo di salvagente in caso di emergenza recessione nei paesi dell’eurozona.

Gli ultimi dati relativi all’andamento dell’economia cinese mostrano uns situazione in leggero rallentamento. Pechino è cresciuta a un ritmo del 6,6% annuo, superando di un decimo le stime messe a punto dall’Officina di statistica del paese. Un segnale non proprio incoraggiante è arrivato sul versante dell’import e dell’export a livello globale (scesi rispettivamente del 7,6% e del 4,4%).

Gli occhi degli esperti restano puntati sulle negoziazioni Usa-Cina in materia di dazi. Il mercato sembra aver già scontato nelle quotazioni un peggioramento dei rapporti tra Usa e Cina. Un’altra variabile da tenere sotto osservazione è l’andamento dei prezzi del settore immobiliare in Cina, considerati una specie di termometro della ricchezza dai cittadini cinesi. La percezione della ricchezza in Cina è nettamente legata all’evoluzione dei prezzi delle case. Gli esperti si chiedono come reagirà la classe abbiente del paese in caso di sensibile contrazione dei prezzi delle case (fenomeno praticamente inesistente da oltre venti anni nel mercato domestico).

Accanto alle preoccupazioni per i dati macro e per la gradualità della decelerazione cinese, non va sottovalutato il pericolo insito nella presenza di multipli di mercato sensibilmente elevati per numerosi titoli del settore. Gli attuali livelli di multipli scontano il raggiungimento di target –intermini di vendite e utili- molto ambisiosi e difficili da centrare nel caso di un peggioramento dello scenario.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: lusso, export, cina, settori
Come valuti questa notizia?
Investire nel lusso in tempi di incertezza Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Una crescita che dura da un quarto di secolo
Notizia successiva »
L'enigma statunitense
ARTICOLI CORRELATI
Una guerra commerciale Usa-Cina non conviene quasi a nessuno pubblicato il 1 luglio 2019
Chi è a rischio nella guerra commerciale pubblicato il 13 maggio 2019
Petrolio: in accelerazione, Trump lascia spazio a accordo con Cina pubblicato il 19 giugno 2019
Lusso, appeso alla Cina pubblicato il 26 aprile 2019
L’Europa tra l’incudine e il martello nella guerra dei dazi pubblicato il 14 giugno 2019