Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Recessione: rischio allontanato da Fed e Bce più accomodanti

06/08/2019

Recessione: rischio allontanato da Fed e Bce più accomodanti

Lo spettro della recessione si sta agitando sempre di più sullo sfondo dell’economia reale mondiale e così le due principali Banche centrali, nelle ultime settimane, hanno lanciato chiari segnali di aiuto. La prima è stata la Fed la cui mossa, secondo gli esperti, ha avuto il merito di spostare in avanti nel tempo il rischio di una recessione Oltreoceano e, di conseguenza, nel resto del mondo. Il presidente della Federal Reserve, nella sua audizione al Congresso, aveva ricordato che l’Istituto è impegnato ad agire “in modo appropriato per sostenere l’espansione” economica. Inoltre, ha aggiunto, in luglio molti membri della Fed si sono detti “disponibili” a considerare una “politica monetaria più accomodante” perché ritengono che si “siano rafforzati” i motivi che favoriscono un abbassamento dei tassi a causa delle forze che agiscono contro la crescita della congiuntura. 

Bce, conferma la politica monetaria ma apre a nuovi tagli

Alla Fed si è poi accodata la Bce, che ha annunciato una politica monetaria altamente accomodante sul lungo termine, spinta anche dai recenti dati macro interni tutt’altro che brillanti. L’Istituto europeo ha sì confermato invariati i tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali, sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sui depositi presso la Banca centrale (rispettivamente allo 0,00%, allo 0,25% e al 0,40%), ma ha anche diffuso una nota che ha fatto lievitare le attese di allentamento del credito. Il Consiglio direttivo, in particolare, si attende ora che “i tassi di interesse di riferimento della Bce si mantengano su livelli pari a quelli attuali o inferiori almeno fino alla a tutta la prima metà del 2020 e in ogni caso finché sarà necessario per assicurare che l'inflazione continui stabilmente a convergere su livelli inferiori ma prossimi al 2% nel medio termine”. Una formula che, secondo gli analisti, segnala che l'Istituto centrale sta preparando un taglio dei tassi per la prima volta dall'inizio del 2016, probabilmente in coincidenza con la prossima riunione in calendario per il 12 settembre (quando ci sarà l’aggiornamento delle previsioni macroeconomiche della Bce).

Inflazione resta bassa, molte le incognite di contorno

Tale convinzione si basa anche su come la Bce abbia messo in rilievo l’andamento dei prezzi al consumo, sottolineando di avere bisogno “di una politica monetaria altamente accomodante a lungo dato che i tassi di inflazione restano sotto l'obiettivo di lungo periodo”. A chiarire il pensiero ha contribuito lo stesso Presidente dell’Istituto, Mario Draghi, ammettendo che “non ci piace cosa vediamo sul fronte dell'inflazione e non accettiamo che l'inflazione rimanga in maniera persistente sotto l'obiettivo di lungo termine”. E quindi, ha affermato, “non siamo rassegnati a una stagnazione secolare ed è per questo che siamo pronti e determinati ad agire”. Per questo, ha sottolineato “l'ampio mandato” dato ai comitati dell'eurosistema per studiare varie opzioni per le nuove misure di politica monetaria che verranno adottate nelle prossime settimane. Una politica monetaria più accomodante, d’altronde, è resa possibile da pressioni inflative del tutto sotto controllo e potrebbe diventare quasi ‘necessaria’ per ammortizzare possibili sorprese che rischiano di arrivare dalle troppe incognite che oggi fanno da contorno.

Questioni commerciali, geopolitiche, Brexit 

L’attenzione degli esperti, a questo proposito, resta focalizzata su tre elementi: la guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti, l’escalation delle tensioni tra Iran e Usa e la Brexit. Anche perché, spiegano, gli elementi sono tutti interdipendenti: le tensioni legate a un’eventuale guerra commerciale e il sensibile rallentamento dell’economia globale hanno di fatto abbassato il rischio inflazione e inciso negativamente sulla fiducia. Mentre un’eventuale uscita del Regno Unito dall’Unione Europea senza un accordo rappresenta un salto nel buio per l’economia del Vecchio Continente. Un quadro che ha portato la Fed e la Bce ha assumere una posizione più ‘morbida’ nei confronti delle rispettive politiche monetarie per evitare la recessione, in previsione di veri e propri tagli dei tassi di interesse. 

A cura di: Fernando Mancini
Parole chiave: recessione, fed, bce, crescita, inflazione
Come valuti questa notizia?
Recessione: rischio allontanato da Fed e Bce più accomodanti Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Gli investitori italiani? Prudenti, impazienti e precipitosi
ARTICOLI CORRELATI
La prossima recessione non arriverà nel 2019 pubblicato il 18 aprile 2019
Timori di recessione, scatta la corsa ai Bund pubblicato il 8 febbraio 2019
Il petrolio ha scontato una recessione non pervenuta pubblicato il 15 gennaio 2019
L'enigma statunitense pubblicato il 27 marzo 2019
Bce, aumento tassi rinviato a tempi migliori pubblicato il 25 gennaio 2019