Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Hedge fund, ancorati al binomio rischio rendimento

07/04/2017

Hedge fund, ancorati al binomio rischio rendimentoSpingendo il livello di analisi oltre i dolorosi casi di Madoff o Lehman con le conseguenti drammatiche e ampie ripercussioni mediatiche, un’analisi realistica dovrebbe prendere in considerazione i risultati dell’intero comparto

La prima cosa che andrebbe sottolineata è che i fondi hedge non hanno offerto la protezione che ci si aspettava fossero in grado di garantire in periodi di crisi e nei corrispondenti cicli ribassisti. Il 2008 ha registrato ampi rendimenti medi negativi a due cifre (vicini al 20%) per numerose strategie e fondi. Si tratta di un comportamento poco giustificabile per la categoria, seppur in presenza di una delle peggiori crisi finanziarie di tutti i tempi.

Tanto il concetto di prodotto (al quale vengono attribuiti una maggiore abilità ed agilità) che la costruzione dei portafogli devono essere disegnati per resistere o gestire situazioni straordinarie. In particolare, uno dei pilastri dei fondi hedge si basa sulla supposta capacità di modellare e gestire distribuzioni di performance degli assets non tradizionali. Nel caso dei gestori dei fondi di fondi hedge l’analisi delle serie storiche della stessa industria hedge dovrebbe tener conto dell’asimmetria dei rendimenti e della capacità di distribuirli. Vale a dire della possibilità di operare su valori numerici estremi. In tal modo, l’analisi quantitativa e la gestione del rischio dovrebbero essere disegnate per fare in modo che i portafogli siano capaci di resistere e reagire agli stimoli provenienti dal mercato.

In una fase successiva si posiziona la parte qualitativa, abitualmente conosciuta nell’industria come due diligence. Dopo il caso Madoff, molte critiche sono arrivate a coloro che sono stati incaricati di metterla in atto. La verità sull’analisi qualitativa è che si tratta di un procedimento molto costoso che richiederebbe tante risorse per poter coprire tutti i suoi aspetti, tuttavia, va sottolineato che nel caso Madoff sono stati ignorati anche alcuni aspetti elementari di due diligence che non richiedono molte risorse.

Detto questo, il punto chiave per la difesa del comparto, anche in presenza di questi ultimi nefasti dati alla mano, si basa sul binomio rendimento-rischio. La possibilità di costruire portafogli ben diversificati e dotati di un buon livello di asimmetria dei potenziali rendimenti resta intatta, in particolare per gli investitori istituzionali. All’interno di tale processo, una maggiore attenzione andrebbe riposta nella selezione dei fondi da inserire in portafoglio o nella costruzione dei fondi di fondi hedge.

In ogni caso, è indubbio che negli ultimi anno il comparto è stato interessato da una serie di cambiamenti di non poco conto, tuttavia, ci saranno sempre investitori a caccia di inefficienze o interessati a sviluppare e sperimentare strategie che puntino ad ottenere rendimenti superiori agli assets tradizionali. Gli esperti credono che il futuro sarà permeato dall’arrivo di prodotti più semplici e che l’industria si incamminerà verso un processo di ‘pulitura’ dei fondi mediocri, un ribasso generalizzato delle commissioni, l’ampliamento dei tempi di permanenza obbligatoria all’interno dei fondi ( per evitare che una crisi di liquidità provochi il collasso di numerosi fondi impossibilitati nel breve termine a restituire il patrimonio ai rispettivi clienti).

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: hedge fund, rischio, rendimento, binomio
Come valuti questa notizia?
Hedge fund, ancorati al binomio rischio rendimento Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Beneficiare dell’inflazione in modo strategico
Notizia successiva »
Governativi, due alternative al Bund
ARTICOLI CORRELATI
Immobiliare, un investimento che ritorna pubblicato il 13 settembre 2018
Immobili, un discreto affare l’affitto a studenti pubblicato il 20 luglio 2018
Italia, banco di prova per l’eurozona pubblicato il 7 giugno 2018
L’effetto contagio è sempre in agguato pubblicato il 8 giugno 2018
Proseguirà il rialzo del petrolio? pubblicato il 20 giugno 2018