Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Governativi, due alternative al Bund

07/04/2017

Per chi vuole investire sui titoli di stato è così scontato non prendere in considerazione l’Europa e puntare direttamente sugli Stati Uniti? Al momento presente, se guardiamo il rendimento del Treasury decennale e quello del Bund tedesco, apparentemente non c’è gara. Il bond governativo statunitense fornisce un rendimento annuo del 2,3%, mentre l’equivalente Bund è allo 0,23%, circa un decimo di quanto forniscono gli States. Ma in realtà se il discorso si allarga ad altre realtà dell’Europa diventa meno banale.

Innanzitutto c’è il rischio di cambio, particolarmente presente in questa fase in cui i dollaro sembra avere intrapreso un piccolo trend al ribasso nei confronti delle principali valute. Di conseguenza, come afferma un operatore sul fixed income di una delle maggiori case di investimento europee, «gli investitori europei che desiderano un’esposizione sul reddito fisso Usa a più alto rendimento devono assumere anche il rischio di cambio (in vista di un potenziale calo del dollaro) oppure devono accettare rendimenti più bassi dopo avere preso in considerazione il costo di copertura del cross, ma che a un anno sono vicini al 2%». Già in questi termini quindi per un investitore del Vecchio continente il rendimento del Bund e del Treasury vanno circa sugli stessi livelli, di fatto vicini allo zero.

A questo punto probabilmente vale la pena cercare alternative in Europa, con titoli che non rappresentino il massimo del rischio, anche se non ai livelli di sicurezza della Germania, e che non diano problemi sul piano valutario. Su questa base due opportunità certamente sono da prendere in seria considerazione, anche con livelli di rischio e di rendimento molto differenziati.

Francia. Attualmente l’Oat francese dà lo 0,89% di rendimento con uno spread di 67,5 punti base rispetto all’omologa obbligazione governativa tedesca. Lo stato francese ha un livello di indebitamento accettabile, il rating da parte delle maggiori agenzie di valutazione è alto e il pericolo di default è oggettivamente ai minimi. Con il rischio di cambio a zero e quindi senza la necessità di dovere spendere per coprirsi, a questi livelli è certamente una delle migliori opportunità oggi reperibili sul mercato. Qualche problema può venire oggi dalla situazione politica del paese transalpino, con le elezioni presidenziali alle porte. L’elezione di Marine Le Pen e la conseguente uscita dall’Unione Europea promessa dalla candidata dell’estrema destra certamente sarebbe uno sconvolgimento molto forte per l’intero paese, ma al momento attuale l’evento appare del tutto improbabile.

Spagna. Il paese iberico fa parte del sud Europa in crisi, definito sprezzantemente Pigs (Portogallo, Italia, Grecia, Spagna), ma in realtà, nonostante i grandi problemi politici dovuti alle difficoltà di avere una maggioranza stabile, la Spagna si trova attualmente in una fase positiva del suo ciclo economico e gli analisti danno unanimemente un giudizio positivo sul paese. La disoccupazione a febbraio è stata al 18,6%, minimo dal 2009, il Pil nel 2016 è cresciuto del +3,2%, uno dei livelli più alti dell'Eurozona, mentre l'export di beni nel 2016 è stato di 254,5 miliardi di euro, record storico per il paese.

A questo punto il rendimento dei Bonos decennali all’1,51%, con uno spread di 126 punti base sul Bund diventa un’opportunità di notevolissimo interesse. Probabilmente oggi il mercato sta sottovalutando questo bond.

A cura di: Alessandro Secciani
Parole chiave: Bund, Treasury, Oat, Bonos
Come valuti questa notizia?
Governativi, due alternative al Bund Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Hedge fund, ancorati al binomio rischio rendimento
Notizia successiva »
Tre mesi di bond
ARTICOLI CORRELATI
Bund, forse la corsa è finita pubblicato il 5 luglio 2018
I dazi non hanno coinvolto gli Hy bond pubblicato il 16 luglio 2018
Treasury, è davvero un’occasione? pubblicato il 18 maggio 2018
Italia, banco di prova per l’eurozona pubblicato il 7 giugno 2018
Al posto dei Btp pubblicato il 8 giugno 2018