Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Aspettative ancora positive per gli EM

20/11/2017

Aspettative ancora positive per gli EMIl contesto per la maggior parte delle obbligazioni dei paesi emergenti rimane ancora positivo grazie all'abbondante liquidità globale si aggiungono tassi d'inflazione in genere stagnanti o in calo.

Nel mese di ottobre, storicamente il mese dei crash, i mercati azionari dei paesi emergenti, con poche eccezioni, hanno registrato ulteriori guadagni. Per la nona volta quest’anno sono saliti più delle borse sviluppate.  Stando all’ultimo report dedicato agli EM dal team di Raiifeisen, da inizio anno l’indice MSCI Emerging Markets ha dunque segnato un rialzo del 30% circa rispetto al 16% circa dei mercati azionari dei paesi industrializzati (indice MSCI World). L’indice azionario dei paesi emergenti ha quindi attraversato in un solo colpo l’ampia zona di resistenza intorno ai 940-1090 punti, come il proverbiale coltello caldo nel burro.

Di conseguenza, in termini tecnici la strada sembra nuovamente aperta ai vecchi massimi da record del 2007, dai quali siamo ancora lontani quasi il 20%. Una correzione temporanea del 5-10% sarebbe completamente normale dopo il rialzo degli ultimi dodici mesi e non cambierebbe assolutamente il quadro positivo. Al momento non c’è, secondo i curatori dello studio, tuttavia, nessun segnale concreto, tanto più che gli afflussi di capitale continuano ininterrottamente. Nel complesso, da inizio anno sono già stati investiti quasi 60 miliardi di dollari USA nelle azioni dei paesi emergenti, il valore più alto dal 2010. Positiva per le azioni dei paesi emergenti dovrebbe essere anche la netta ripresa dei prezzi delle materie prime nell’ultimo periodo. Il greggio ha subito un rincaro di quasi l’8% a ottobre e anche gran parte dei metalli industrializzati ha registrato un significativo incremento negli ultimi mesi.

La decisione della Banca centrale europea di voler continuare i propri acquisti di obbligazioni almeno fino a settembre dell’anno prossimo (anche se nel 2018 con un volume mensile dimezzato) significa, almeno per altri 12 mesi, un continuo e abbondante approvvigionamento di liquidità dei mercati finanziari globali, nonostante un lieve inasprimento a breve della politica monetaria USA. Il contesto per la maggior parte delle obbligazioni dei paesi emergenti rimane pertanto ancora positivo in scia a tassi d’inflazione in genere stagnanti o in calo e dati fondamentali economici buoni nonché risultati aziendali in gran parte migliori.

L’avvenimento probabilmente più importante, non solo per la Cina, ma per la stragrande maggioranza dei paesi emergenti, dovrebbe essere stato il 19° Congresso del partito comunista cinese del mese scorso. È stato molto poco spettacolare e senza grandi sorprese. Complessivamente, il segretario generale del partito e capo dello Stato Xi Jinping ha ulteriormente rafforzato la sua posizione di potere, il che in cambio ha aumentato il suo margine di manovra per eventuali riforme incisive.

Le loro ripercussioni con ogni probabilità dovrebbero farsi sentire ben al di là dei confini della Cina. Intanto la congiuntura globale continua la sua ripresa in larga misura simultanea. Questo ha provocato nuovamente un leggero aumento dei rendimenti dei titoli di stato USA, così come del dollaro. Nel report si sottolinea che il biglietto verde  potrebbe salire ancora nei prossimi trimestri, se la banca centrale USA dovesse attuare i propri piani di rialzo dei tassi in modo più coerente di quanto scontato al momento dai mercati e, di conseguenza, cambiare ulteriormente il differenziale dei tassi a favore del dollaro. In cambio ciò potrebbe frenare leggermente, almeno nel breve periodo, le azioni e le valute dei paesi emergenti. Indipendentemente da ciò, le prospettive continuano a essere positive nei prossimi trimestri sia per le azioni sia per le obbligazioni di molti Emerging Markets. Bisognerà, tuttavia, vedere, se i rialzi dei corsi continueranno a essere tanto dinamici e se la forte outperformance rispetto ai mercati sviluppati persisterà.

A cura di: Rocki Gialanella
Come valuti questa notizia?
Aspettative ancora positive per gli EM Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Taiwan e Venezuela a confronto
Notizia successiva »
Per investire guardare la bilancia dei pagamenti
ARTICOLI CORRELATI
Opzione emerging bond pubblicato il 12 novembre 2018
Prospettive positive intatte per azioni e bond degli Em pubblicato il 2 ottobre 2018
Portafogli anti volatilità pubblicato il 16 ottobre 2018
Opportunità e rischi in Brasile pubblicato il 31 ottobre 2018
Aspettando il risveglio dei bond investment grade pubblicato il 17 settembre 2018