Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Correlazione tra Borse e geopolitica? Solo nel breve termine

20/12/2017

Correlazione tra Borse e geopolitica? Solo nel breve termine

Volgendo lo sguardo al passato, la storia dimostra che in molte occasioni mantenere la calma è stato l’atteggiamento giusto per superare i momenti di maggiore tensione nello scacchiere geopolitico.

I mercati sono diventati ‘insensibili’ a queste vicende o sono entrati in una fase in cui riescono a evitare di sovrastimare l’impatto della politica domestica sulle Piazze azionarie internazionali? A supporto di questa tesi, passiamo in rassegna alcuni degli eventi che sono stati capaci di provocare forti preoccupazioni in seno agli investitori di ogni parte del pianeta.

L’11 settembre

In seguito all’attacco terrorista alle torri gemelle di New York e al Pentagono a Washington, le Borse soffrirono un pesante shock nei due giorni successivi all’evento. Il Dow Jones perse il 14% dall’11 al 21 settembre, ma a partire da quel giorno la calma tornò sui mercati e nell’arco di appena due mesi l’indice si era riportato sui livelli registrati prima del’attentato. L’ultimo trimestre del 2001 si chiuse con un rialzo del 4% dell’indice rispetto ai valori di settembre.

La Brexit

L’ultimo grande shock geopolitico è stata la decisione –inattesa- da parte dei cittadini britannici di votare a favore dell’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea. I listini hanno perso terreno nei primi giorni post referendum ma coloro che hanno mantenuto i nervi saldi hanno chiuso l’anno con un progresso del 5% rispetto ai livelli pre-Brexit.

La lezione è chiara: anche se gli eventi geopolitici possono avere un impatto profondo sulle nostre vite individuali, l’impatto sui mercati finanziari globali tende ad essere di breve durata e anche i fenomeni più intensi vengono metabolizzati nel medio periodo.

Attualmente, le negoziazioni in corso per definire i termini della Brexit, la crisi catalana e la minaccia nordcoreana potrebbero avere impatti significativi sui listini locali e sui destini delle Borse internazionali nel breve termine. Tuttavia, la storia insegna che gli effetti nel medio termine sui mercati internazionali tenderanno a essere riassorbiti.

La Seconda Guerra Mondiale

Il mese di settembre del 1939 ha segnato l’inizio di questa tragedia per l’umanità. Dal 1940 al 1943 l’indice Dow Jones accumulò perdite continue, toccando il suo minimo alla fine di aprile del 1942, dopo aver accusato una svalutazione superiore al 20%. Nonostante ciò, molto prima che si chiudesse il conflitto, l’indice dei titoli industriali Usa aveva già recuperato il terreno perso. Nell’aprile del 1943 il suo livello era quello registrato nel settembre del 1939 e, nell’ottobre del 1945, a solo un mese dalla fine delle ostilità, era già un 20% al di sopra del livello pre- guerra.

La crisi missilistica a Cuba

Durante la crisi dei missili a Cuba, la tensione tra i leader degli Stati Uniti e dell’Unione Sovietica subì un’ascesa tale da far temere lo scoppio di una guerra nucleare. L’attrito nacque dopo che l’Unione Sovietica aveva installato dei missili nucleari a Cuba, ad appena 150 km dalle coste meridionali degli Stati Uniti. La crisi geopolitica durò appena 12 giorni, tra il 16 e il 28 ottobre del 1962. In Borsa il periodo buio non durò molto più. L’indice Dow Jones arrivò a perdere il 5% ma, alla fine della disputa, aveva già recuperato le perdite e alla fine del mese di novembre era riuscito a guadagnare oltre il 10%.

L’assassinio di John Fitzgerald Kennedy

Il 22 novembre del 1963, giorno della morte del presidente Usa John Fitzgerald Kennedy, il mondo tremò e lo fece anche il Dow Jones con un calo superiore al 3%. Il giorno dopo l’indice aveva già archiviato la paura e saliva del 4,5%. Il mercato azionario Usa chiuse quell’ultimo periodo del 1963 con un rialzo del 4,5%.

A cura di: Rocki Gialanella
Come valuti questa notizia?
Correlazione tra Borse e geopolitica? Solo nel breve termine Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Gli zombie dell’eurozona
Notizia successiva »
Un 2017 pazzesco in tutto il mondo
ARTICOLI CORRELATI
Un autunno molto, molto caldo pubblicato il 19 agosto 2018
L’impatto cinese sui mercati azionari pubblicato il 21 giugno 2018
Il termometro lusso pubblicato il 6 luglio 2018
Oro, un paradosso sui mercati pubblicato il 11 luglio 2018
I vantaggi della prudenza pubblicato il 12 marzo 2018