Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Inflation linked bond, in caso d’inflazione

25/09/2018

Inflation linked bond, in caso d’inflazioneE’ molto probabile che alcuni dei classici fattori che hanno mantenuto l’inflazione bassa, ovvero disoccupazione, capacità inutilizzata da parte delle imprese, non fanno più da freno.

È ancora difficile immaginare che questa espansione termini, a fine ciclo, con un’impennata dell’inflazione e della crescita che richiederebbe un forte rialzo dei tassi di interesse.

Tuttavia, gli yield e i rendimenti dei bond sono così bassi che, in termini reali, possono risentire anche di un modesto incremento dell’inflazione. Sembra opportuno dunque valutare gli effetti che possono avere le obbligazioni inflation-linked su un portafoglio di investimento.

Un rialzo anche lieve dell’inflazione inciderebbe sui rendimenti obbligazionari. La portata dell’impatto di una massiccia recessione “da bilancio” sulle dinamiche inflazionistiche è apparsa chiara negli ultimi anni, e persino la grande espansione monetaria del QE ha fatto poco per compensare le forze deflazionistiche. Fino ad ora, forse. Lentamente, l’espansione ha consumato la capacità inutilizzata. Lentamente, la crescita dei salari reali inizia a riflettere il miglioramento del mercato del lavoro. Secondo il team di Axa Im, eventuali interruzioni alla libera circolazione di merci e persone imposte dalla politica potrebbero produrre un effetto inflazionistico sul fronte dell’offerta qualora le spinte populiste fossero senza controllo.

Con i rendimenti obbligazionari ancora bassi (tra 2,5% e 3,5% negli Stati Uniti, tra -1% e 2% in Europa), anche un modesto incremento dell’inflazione è importante per determinare il rendimento reale previsto. Il rendimento reale degli strumenti finanziari è salito negli anni ‘80 e ‘90 perché l’inflazione continuava a scendere. Un’inversione di tendenza è improbabile, ma partiamo da livelli bassissimi di rendimento reale nel reddito fisso. Un lieve rialzo dell’inflazione inciderebbe sulla maggior parte dei rendimenti del reddito fisso in termini reali.

Le stime economiche di consensus e i breakeven nel mercato delle obbligazioni indicizzate all’inflazione non stanno indicando un aumento dell’inflazione. Secondo Axa Im, le obbligazioni inflation-linked meritano un posto nell’ambito di un portafoglio multi-asset o multi-strategia. In questo momento il team ritiene che presentino due caratteristiche interessanti.

Primo, potrebbero sovraperformare i titoli di Stato tradizionali se ci sarà un rialzo dell’inflazione, considerato che i tassi di breakeven potrebbero salire verso il livello massimo del range in caso di ulteriori rialzi dei salari. Secondo, sono un buon elemento di diversificazione del rischio, considerato che il rendimento complessivo dei titoli inflation-linked presenta una correlazione negativa con l’andamento delle azioni e del credito ad alto beta, come l’high yield e i mercati emergenti.

Tale capacità di copertura deriva dalla duration di questa asset class, mentre la capacità di fare meglio delle obbligazioni tradizionali dipende dal collegamento con l’inflazione e dal potenziale di rialzo che offre rispetto ai rendimenti nominali. Se ci aspettiamo un rialzo dell’inflazione di fine ciclo e il deterioramento della performance degli strumenti più esposti al rischio, i linker dovrebbero riportare risultati relativamente positivi in termini di conservazione del capitale.

A cura di: Rocki Gialanella
Come valuti questa notizia?
Inflation linked bond, in caso d’inflazione Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
La posta in gioco delle elezioni in Brasile
Notizia successiva »
Risparmio gestito, raccolta agosto torna positiva per 2,542 mld
ARTICOLI CORRELATI
Bond: ricerca di rendimenti in un momento di tassi a zero pubblicato il 7 febbraio 2020
Confcommercio: il Misery Index peggiora in dicembre pubblicato il 14 febbraio 2020
Oro: i venti di guerra spingono a nuovi massimi pubblicato il 15 gennaio 2020
Misery Index: in ottobre diminuisce il disagio sociale pubblicato il 10 dicembre 2019
Banca d’Italia: in lieve rialzo la stima del Pil 2019 pubblicato il 20 dicembre 2019