Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Guadagnare con le banche italiane

12/11/2018

Guadagnare con le banche italiane

Al di là dei su e giù dei mercati, vale la pena chiedersi se vi è qualche nicchia su cui investire in Italia con un ragionevole profilo di rischio/rendimento e con un orizzonte temporale minimamente ampio. La risposta è positiva e per certi versi sorprendente, in quanto alcune delle migliori occasioni nel nostro paese sono da ricercare fra le banche. Queste ultime sono da anni ormai considerate da noi (e nella maggior parte d'Europa) l'anello debole del sistema, con performance borsistiche pessime che danneggiano le prospettive relative dei benchmark azionari continentali in generale.

In realtà il discorso va approfondito. Innanzitutto, quando parliamo di banche, intendiamo soprattutto i due gruppi sistemici, Intesa e Unicredit, che sono incomparabili, sia per dimensione dei bilanci, sia per solidità patrimoniale, rispetto al resto degli istituti nazionali. Infatti la maggior parte dei problemi del nostro apparato creditizio si trova in diverse realtà locali, oggi a pesante rischio di sopravvivenza. Le due major, invece, hanno operato nel corso degli anni tali aumenti di capitale da renderle fra la realtà più solide d'Europa. Unicredit, ad esempio, a fine giugno (una data come vedremo importante) vantava un capitale  tier 1 pari al 12,6% degli attivi pesati per il rischio. Si tratta di un valore molto più ampio rispetto ai requisiti minimi richiesti da Basilea 3 del 9,2%, i cui principi sono stati accolti a livello di Unione Europea. Ciò si traduceva in un capitale in eccesso rispetto ai minimi di circa 12 miliardi.

Questo però a giugno. In quel periodo il nostro Btp si trovava già nel mezzo della tempesta, ma anche senza immaginare una loro contabilizzazione fino alla data di scadenza, dovrebbe vedersi un autentico disastro da parte del debito pubblico italiano prima di mettere a repentaglio la struttura patrimoniale dei due protagonisti nazionali.

Dove dunque si può puntare per fare qualche ragionevolmente solido guadagno in questo ambito? Sicuramente non sulle azioni: anni di aumenti di capitale sicuramente non hanno fatto bene alle prospettive degli Eps dell'intero settore bancario europeo, bloccate anche da una crescita economica potenziale mediocre. Il discorso però appare diverso per gli obbligazionisti.

In particolare parliamo dei cosiddetti coco (contingent convertible): si tratta di bond subordinati, talmente subordinati che stanno appena al di sopra del capitale azionario e vengono contati all'interno del capitale tier 1. Questi presentano clausole di conversione in capitale azionario, e/o di sospensione delle cedole e/o di taglio dell'ammontare rimborsato, qualora i ratio patrimoniali della banca emittente scendano sotto un certo livello. Allo stato attuale i coco emessi dai due colossi italiani pagano qualcosa al di sotto del 5% di rendimento, un valore piuttosto elevato anche per lo spettro degli high yield europei.

Infatti in generale, per via del loro grado di subordinazione nella struttura del debito di una banca, in generale ricevono rating sotto il livello di investment grade, ma è difficile pensare che per istituti di dimensioni sistemiche per una nazione si possa arrivare a un simile deterioramento patrimoniale, prima che intervengano il legislatore nazionale e la comunità degli investitori locali per operare un rafforzamento. Se per emittenti di grosse dimensioni e di buona qualità dunque il rischio di default appare veramente uno scenario estremo, con al contempo un ricco premio dato dall'effetto sconto generale derivante dall'appartenere a un paese come il nostro, la questione è un po' diversa per quanto riguarda la volatilità su un orizzonte temporale più breve.

I coco salirono infatti alla ribalta all'inizio del 2016, quando, nel mezzo di una situazione molto pesante sui mercati europei, i bond di diverse banche continentali seguirono a ruota l'equity con cali molto marcati. Da allora, però, le cose sono cambiate e oggi tale convessità negativa (essenzialmente il fatto che queste obbligazioni tendono a comportarsi in misura crescente come le azioni man mano che queste vanno sempre peggio) è molto meno marcata. Con una minore correlazione dunque fra azionario in periodo di risk-off e andamento dei coco, gli investitori possono contare anche su una gestione dei rischi correnti meno tempestosa rispetto al recente passato.

A cura di: Boris Secciani
Parole chiave: banche, coco, unicredit, intesa sanpaolo
Come valuti questa notizia?
Guadagnare con le banche italiane Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Opzione emerging bond
Notizia successiva »
I corporate bond alla prova del Treasury
ARTICOLI CORRELATI
Coco, un'alternativa ai Btp pubblicato il 11 giugno 2018
Banche e privati a supporto dei Btp? pubblicato il 10 settembre 2018
Crescita sotto attacco pubblicato il 30 ottobre 2018
Il peso del Qe sui rendimenti di bond e azioni pubblicato il 11 settembre 2018
Caccia alla nuova Lehman pubblicato il 14 settembre 2018