Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Mercato azionario cinese, interessante e conveniente

06/02/2019

Mercato azionario cinese, interessante e convenienteA dispetto della decelerazione economica, un numero crescente di gestori continua a valutare interessante le azioni cinesi. La selezione sarà ancora una volta determinante nella costruzione dei portafogli d’investimento.

L’indice MSCI China ha accumulato negli ultimi dieci anni un rendimento annualizzato del 10,6% rispetto al 10% ottenuto nello stesso arco temporale dall’MSCI Emerging Markets e al 9,29% dell’MSCI Europe. Il listino cinese resta meno performante solo se lo si mette a confronto con lo Standard and Poor’s 500 e il Dow Jones, che registrano progressi annualizzati rispettivamente del 12,6% e del 12,85%. A livello di ratio P/e (prezzo/utile), il valore è di 12,85, nettamente inferiore a quello dei listini azionari europei. Il ratio P/e conferma che l’incremento delle quotazioni è da imputare in particolare all’ottimo andamento degli utili conseguiti dalle aziende.

La lenta decrescita della variazione del Pil non ha, almeno fino a questo momento, condizionato la velocità di crociera di aziende di primo piano come Alibaba, Tencent e Ctrip (anche perché l’ampia fascia di giovani cinesi sta utilizzando il commercio elettronico come se il contante non fosse mai esistito). Il 2018 non è stato un anno positivo per il listino azionario cinese, ma le tendenze demografiche di lungo termine indicano che le tre società dovrebbero continuare a macinare utili in futuro.

Le previsioni indicano che l’economia cinese frenerà nel corso del 2019. Nonostante ciò, la crescita del Pil del gigante asiatico si attesterà nei pressi del 6% rispetto al 2,5% degli Usa e all’1,6% stimato dal FMI per l’eurozona. Il paese ha chiuso il 2018 con un incremento del Pil del 6,6%, in uno scenario caratterizzato dagli attriti commerciali con Trump e dagli squilibri interni che sta cercando gradualmente di risolvere.

Il debito pubblico equivale al 47,6% del Pil (dato 2017). Il rapporto debito/Pil si è mantenuto in prossimità del 29,75% dal 1995 al 2017, ha toccato un minimo storico del 20,40% per poi accelerare fino al 47,60% nel 2017. Sul versante debito, il problema è dato dal livello del debito corporate, che ha raggiunto il 160% del Pil (negli Stati Uniti, nonostante la forte espansione del debito delle aziende dovuto alla politica dei tassi zero voluta dalla Fed dopo la crisi del 2008, il livello è attualmente al 75%).

L’esecutivo di Pechino ha preso misure appropriate per stimolare l’economia, flessibilizzando la politica monetaria, alimentando i prestiti bancari e tagliando le imposte sul lavoro. La maggior parte degli esperti ritiene che le autorità cinesi dispongano degli strumenti necessari a controllare l’economia ed evitare un improbabile atterraggio brusco. I tassi d’interesse in Cina sono attualmente al 4,35% e l’inflazione è all’1,9%.

Gestori e analisti credono che Pechino punterà su ulteriori supporti all’economia attraverso maggiori tagli alle imposte e su misure che garantiscano la sostenibilità del debito nel medio termine. A dispetto dei rumors sullo stallo delle negoziazioni tra Usa e Cina, gli operatori di mercato credono che potrebbe essere raggiunto un accordo tra le due potenze. In tutti i casi, Pechino dovrà adottare un atteggiamento più cauto in materia di diritti intellettuali e operare nel pieno rispetto delle regole internazionali.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: cina, portafogli, ratio, debito
Come valuti questa notizia?
Mercato azionario cinese, interessante e conveniente Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Quanto può salire Seoul
Notizia successiva »
Immobili, rivalutazione o rendimento?
ARTICOLI CORRELATI
Wall Street, la versione del ratio di Shiller pubblicato il 12 marzo 2019
Il vero peso del debito cinese pubblicato il 5 marzo 2019
Le diverse facce del debito pubblicato il 27 marzo 2019
Mercati, e adesso? pubblicato il 10 aprile 2019
Cina e Germania, i leader degli anni 2000 pubblicato il 15 marzo 2019