Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Cina e Germania, i leader degli anni 2000

15/03/2019

Cina e Germania, i leader degli anni 2000

Siamo ormai in prossimità della fine di un altro decennio in cui è successo di tutto, anche se complessivamente i mercati finanziari hanno avuto un andamento stupefacente in senso positivo. Esattamente 10 anni fa eravamo ai minimi della crisi finanziaria, in mezzo a previsioni apocalittiche di un nuovo 1929 e di una nuova Repubblica di Weimar a causa del Qe delle banche centrali. Ovviamente lo scenario è risultato poi radicalmente diverso. Vale la pena, però, allargare lo sguardo fino alla fine degli anni ‘90 per dare una valutazione di quelle che sono state le economie più brillanti. Incidentalmente si tratta dell’era che coincide con l'esplosione di internet che ha cambiato tutto. In pratica un elenco di vincitori  della globalizzazione con in più una valutazione finale di quanto è successo.

E tra gli indubbi vincitori non sorprendentemente al primo posto troviamo la Cina. Paese che solo 20 anni fa era poverissimo, molto più povero di qualsiasi nazione definita emergente. Oggi la Repubblica Popolare non solo è la seconda economia del mondo (la prima se calcoliamo il suo Pil a parità di potere d'acquisto), ma ha anche raggiunto un Pil pro capite nominale di 10 mila dollari (20 mila a Ppp), un livello superiore a quello di nazioni con storie di sviluppo capitalistico molto più lunghe e con ondizioni demografiche e geografiche più favorevoli, come Argentina, Brasile, Messico e Turchia.

Nel 2000 il Pil pro capite nominale cinese non arrivava a 1.000 dollari ed era poco più del 2,6% del livello statunitense, mentre oggi è quasi 1/6 con una marcia di avvicinamento che è sostenuta da una crescita economica comunque intorno al 6%, grazie a un salto tecnologico e qualitativo degli apparati produttivi senza precedenti. Questo livello peraltro rappresenterebbe una situazione di boom pazzesco per diversi emergenti ben più poveri.

Il secondo paese uscito vincitore da questo ventennio è la Germania, in condizioni quasi italiane agli albori degli anni 2000, in quanto era considerata all'epoca una nazione dall'economia sclerotica, antiquata e con un andamento demografico orrendo. Quest'ultimo è rimasto, immigrazione a parte, ma la Germania, come nessun altro paese europeo e pochissimi altri occidentali in genere, ha saputo cogliere i cambiamenti della globalizzazione. Innanzitutto essa ha fornito una miriade di beni in conto capitale necessari all'industrializzazione del mondo che prima era rimasto alla dimensione rurale, in secundis la sua industria dell'auto ha assunto una posizione dominante come nessun altro concorrente in giro per il pianeta, specialmente sul mercato cinese e nell'unico ambito in cui l'automobile fornisce margini di profitto seri, ossia le grosse cilindrate.

Certo la Germania, software industriale a parte, non appare un colosso dell'economia digitalizzata e produce pochino in termini di fenomeni di entertainment e di costume non solo rispetto a Usa e Regno Unito, ma anche rispetto a Francia, Giappone e Corea del sud. Per dire il paese non ha un'industria dei videogame rilevante, non ha una piattaforma internet popolare a livello mondiale ed è praticamente assente nell'elettronica di consumo. Se però da una parte Instagram, Wechat, Fortnite, Louis Vuitton, la Premier League e il K-pop sono fenomeni che muovono montagne di soldi, dall'altra  resta il fatto che in questi anni il sistema nei suoi apparati fisici è funzionato in gran parte grazie al made in Germany.

Anche in questo caso aiuta il confronto con un passato non più così recente: nel 2000 il Pil pro capite nominale tedesco era praticamente uguale a quello francese e non più dell'85% di quello britannico: oggi  risulta più elevato rispetto alla Francia del 14%  e del 12,5% in confronto al Regno Unito. A parità di potere d'acquisto la distanza risulta ancora più forte, con la Germania in vantaggio rispetto alla Francia del 16,5% e sulla Gran Bretagna di oltre il 20%. Evitiamo per carità di patria confronti con l'Italia.

A cura di: Boris Secciani
Come valuti questa notizia?
Cina e Germania, i leader degli anni 2000 Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Emergenti, occhio all’Asia
Notizia successiva »
Israele e Corea, il potere della tecnologia
ARTICOLI CORRELATI
Il falso dinamismo delle turbo-economie pubblicato il 6 maggio 2019
Un’Italia ferma in un mondo fermo pubblicato il 3 maggio 2019
L’Europa tra l’incudine e il martello nella guerra dei dazi pubblicato il 14 giugno 2019
Un confronto fra mercati europei pubblicato il 15 aprile 2019
I mercati nelle mani di Trump pubblicato il 8 maggio 2019