Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Cambio strategia FED: consentito sforamento 2 pct inflazione

04/09/2020

Cambio strategia FED: consentito sforamento 2 pct inflazione

La Federal Open Market Committee, il braccio operativo della Federal Reserve statunitense, rompe con il passato e presenta una nuova strategia della propria politica monetaria. Ha annunciato, come si aspettavano la maggior parte degli analisti, di avere adottato un nuovo indirizzo: perseguirà un “average inflation target” attorno al 2%. Questo significa che all’indice che misura l’andamento dei prezzi al consumo sarà consentito uno sforamento temporaneo del 2%, al fine di compensare periodi di inflazione sotto l'obiettivo. Il cardine portante della sua politica sarà l’occupazione. A questo proposito la Fed, infatti, riconosce il beneficio di un mercato del lavoro “robusto”, che può essere sostenuto senza causare un'impennata dell'inflazione.

Dopo i fallimenti del passato per rilanciare inflazione

Il Presidente della Fed, Jerome Powell, ha commentato David Riley, chief investment strategist di BlueBay AM, ha confermato “che la più importante Banca Centrale del mondo si è scostata dal suo framework convenzionale, che prevede di puntare sull'inflazione futura e di ignorare i fallimenti passati nel raggiungimento del suo target di inflazione”. Quando si tratta di inflazione, ha aggiunto, “il passato non è più passato per quanto riguarda la Fed di Powell”. Il nuovo framework, infatti, riconosce inoltre che anche lunghi periodi di bassa disoccupazione non hanno generato una significativa pressione al rialzo dell'inflazione e quindi saranno i ‘deficit’, piuttosto che le deviazioni dalla massima occupazione, a determinare il percorso della politica monetaria".

La forza del lavoro sarà misurata in termini di ‘deficit’

La nuova formulazione degli obiettivi della Federal Reserve in materia di occupazione e inflazione implica, secondo l’esperto, che una ripresa del mercato del lavoro non sarà sufficiente a giustificare un aumento dei tassi di interesse se l'inflazione sarà inferiore o addirittura modestamente superiore all'obiettivo di inflazione del 2% della Fed. Il nuovo quadro politico della Fed, sottolinea ancora Riley, infatti “tollererà un'inflazione ‘moderatamente’ al di sopra del 2% per un periodo non specificato, in modo che ‘l'inflazione sia in media del 2% nel tempo’ e la forza del mercato del lavoro sarà valutata in termini di ‘deficit’ piuttosto che di scostamenti rispetto alla massima occupazione”.

Riley, Fed permetterà all’economia Usa di scaldarsi più a lungo

La Fed, come altre Banche Centrali, non è riuscita a raggiungere l’obiettivo di inflazione del 2% nell'ultimo decennio. L'impegno a ‘rimediare’ ai bassi livelli di inflazione rispetto al target farà ben poco per aumentarla. Ciononostante, per Riley “il messaggio di Powell è inequivocabile: la Fed permetterà all'economia Usa di ‘scaldarsi più a lungo’ prima di prendere in considerazione l'aumento dei tassi d'interesse. Secondo il nuovo quadro disegnato da Powell, la Fed non avrebbe iniziato ad alzare i tassi nel dicembre 2015 anche dopo sette anni di tassi vicini allo zero e un tasso di disoccupazione in calo quando l'inflazione era solo dell'1,5%”.

Potrebbero volerci 7 anni prima di un rialzo dei tassi

Ci sono voluti sette anni, dopo la crisi finanziaria globale, prima che la Fed iniziasse ad alzare i tassi di interesse e, stima l’esperto di BlueBay, “secondo il nuovo quadro politico della Fed, potrebbero volerci anche altri sette anni dopo la crisi attuale”. A questo punto, conclude, “la Fed non solo vuole un aumento dell'inflazione, ma vuole che l'inflazione sia superiore al suo obiettivo del 2% per un certo periodo di tempo per recuperare l'ultimo decennio di bassi livelli, ma Powell non ha segnalato alcuna ulteriore azione politica che rafforzi la credibilità del suo obiettivo di inflazione”. Il cambio di strategia era comunque atteso: si rifletteva già nel fatto che i mercati obbligazionari non stavano prezzando alcun aumento dei tassi fino alla fine del 2023, come minimo.

A cura di: Fernando Mancini
Come valuti questa notizia?
Cambio strategia FED: consentito sforamento 2 pct inflazione Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
BlueBay: mercati tranquilli, aspettando l’autunno
Notizia successiva »
Schroders: Giappone, continuità politica fiscale e monetaria
ARTICOLI CORRELATI
Schroders: Giappone, continuità politica fiscale e monetaria pubblicato il 7 settembre 2020
Bce: la ripresa è iniziata, ma le incertezze sono tante pubblicato il 6 agosto 2020
Fed: nessun rialzo dei tassi almeno fino al 2023 pubblicato il 23 settembre 2020
Oro: molto vicino a quota 2.000 dollari pubblicato il 5 agosto 2020
Tassi: Fed finge che il ciclo non debba finire mai pubblicato il 21 febbraio 2020