Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio
Scopri i vantaggi del nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Governo Draghi: la maggioranza degli italiani apprezza

11/02/2021

Governo Draghi: la maggioranza degli italiani apprezza

Il Governo che sta ‘costruendo’ Mario Draghi divide gli italiani, ma prevalgono le posizioni favorevoli. La fiducia nelle capacità del professore è ampia (42%), anche se la maggioranza degli elettori di PD (65%) e M5S (85%) avrebbe preferito un accordo per la prosecuzione dell’esperienza governativa sostenuta dalla precedente maggioranza, arrivando al Conte Ter. È la fotografia dell’attuale fase politica del nostro Paese scattata dal Radar di SWG nella settimana compresa tra il primo e il 7 febbraio. Il maggiore sostegno all’iniziativa dell’ex Presidente della Bce arriva dagli elettori del centrodestra, soprattutto quelli del partito Fratelli d’Italia (73%) e Lega (55%).

È la soluzione migliore alla crisi politica

L’incarico a Draghi per il 50% degli italiani è stata la soluzione migliore (percentuale che tocca l’85% per gli elettori del PDI), ma per il 32% le elezioni sarebbero state la soluzione migliore. Anche nel centrodestra, seppure la preferenza dominante sia quella di tornare alle urne (obiettivo ‘votato’ dal 70% dagli elettori della Lega e dal 65% da quelli di FdI), una volta scartata questa prospettiva l’opzione Draghi viene accolta positivamente. Tutto ciò ha inciso sulle dinamiche del consenso che questa settimana vedono una crescita di tutte le formazioni del centrodestra (inclusa FdI, che raccoglie il sostegno di chi punta convintamente alle elezioni) e il calo delle forze dell’ex-maggioranza.

Nessun vincitore, il M5S è il vero sconfitto

La crisi di Governo non vede nessun vero vincitore (32%), mentre il Movimento 5 Stelle è ritenuto (dal 30%) il principale sconfitto di questa crisi politica che non è stata vissuta per niente bene dai cittadini e ha prodotto ulteriore rabbia e incertezza in un contesto già complesso. In questo contesto, a Mario Draghi è riconosciuto un giudizio positivo dal 20%. Mentre tra i ‘vincitori’ di questa crisi di Governo vengono annoverati anche il Presidente Mattarella (17%) e lo stesso Matteo Renzi (16%) che ha provocato la caduta dell’Esecutivo. Tra gli sconfitti, oltre al M5S, ci sono l’ex Presidente del Consiglio Giuseppe Conte (27%), il Paese tutto (23%) e, ancora, Matteo Renzi (22%).

Fiducia nell’efficacia dell’ex Presidente Bce

Metà degli italiani confida nell’efficacia del Governo Draghi, soprattutto gli elettori di PDI (73%) e FdI (56%). Invece i giudizi contrari arrivano principalmente dagli elettori del M5S (52%) e Lega (46%). Il suo arrivo è stato comunque già ‘premiato’ dai mercati. Il Governo Draghi, sostiene tra gli altri Kaspar Hense, senior portfolio manager di BlueBay Asset Management, sarebbe un risultato positivo per i mercati, non perché è stato il salvatore della crisi sovrana europea nel ruolo di Presidente della Bce, ma perché un Governo tecnico sarebbe più probabilmente in grado di padroneggiare le sfide del prossimo anno, in cui lo stretto coordinamento con l'Ue e le riforme strutturali dovrebbero non solo aiutare la ripresa economica, ma anche ridurre le tensioni populiste sorte sotto il Governo Monti.

A cura di: Fernando Mancini
Parole chiave: governo, crisi, politica
Come valuti questa notizia?
Governo Draghi: la maggioranza degli italiani apprezza Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
CGIA: i settori economici più penalizzati dal coronavirus
Notizia successiva »
Assoreti: 2020 record per il patrimonio gestito