Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Tassi puntano al ribasso: su economia mondiale troppe incertezze

13/06/2019

Tassi puntano al ribasso: su economia mondiale troppe incertezze

L’orientamento dei tassi di interesse ufficiali sta cambiando rapidamente, da alcune settimane ha iniziato a puntare al ribasso in quasi tutti i principali Paesi. D’altronde il quadro economico, politico e commerciale è così carico di incertezze che, secondo gli esperti, le politiche monetarie delle Banche centrali sono destinate a rimanere accomodanti per un periodo prolungato di tempo. La spada di Damocle è rappresentata soprattutto dalla guerra commerciale in corso tra Stati Uniti e Cina, le cui incognite sul sistema economico globale multilaterale si combinano con il rallentamento congiunturale mondiale in atto.

Per di più, a parte le pressioni che arrivano dai prezzi del petrolio, oggi la strada per una politica monetaria a favore della crescita è spianata da un’inflazione ovunque sotto controllo. Marcela Meirelles, managing director fixed income di Tcw, ha rilevato che i mercati obbligazionari già riflettono questo cambio di direzione. Cioè non credono più a un’economia mondiale in grado di digerire tranquillamente gli attuali problemi e quindi, spiega, “è probabile che la strada da qui in avanti sarà molto accidentata, specialmente per le economie più orientate all’esportazione e più dipendenti dall’apertura commerciale”. 

Tagli già iniziati: Nuova Zelanda e Australia da battistrada 

Di conseguenza le Banche centrali, dovendo affrontare questo livello di incertezza hanno già deciso che è meglio peccare per eccesso di cautela, piuttosto che per difetto. Cautela che secondo l’analista può significare una riduzione preventiva dei tassi, prima di trovarsi in una situazione in cui lo scenario economico avverso richiederebbe tagli più incisivi, ma ciò sarebbe impossibile perché si è già raggiunto il limite inferiore per i tassi di interesse: lo zero. La corsa al ribasso dei saggi di riferimento sembra già partita. La decisione da parte della Reserve Bank of New Zealand di tagliare il tasso di riferimento di 25 punti base all’1,5% all’inizio di maggio rientra infatti proprio in quest’ottica. In sintonia si è mossa a inizio giugno anche la Reserve Bank of Australia (che ha adottato un taglio di 25 punti base all’1,25%). A questi due Istituti, che solitamente fanno da battistrada all’orientamento delle politiche monetarie mondiali, si è accodata già la Banca centrale della Malesia (-25 punti base al 3%) e a breve potrebbe essere seguita da altri istituti della regione asiatica. 

Draghi, statu quo dei tassi fino a metà del 2020

Tutti ora aspettano le prossime mosse della Fed e della Bce. Per quanto riguarda l’orientamento dell’Istituto statunitense hanno già ampiamente parlato i banchieri centrali federali, senza contare le pressioni che sta facendo l’Amministrazione Trump – che un giorno si e l’altro pure – continua a ripetere che i “tassi sono troppo alti” e che la Fed ha una politica “distruttiva” per l’economia d’Oltreoceano. Per la Bce hanno parlato a inizio giugno sia il Presidente, Mario Draghi, sia i deludenti dati macro della Germania. Il primo ha riconosciuto i rischi al ribasso posti dalle misure commerciali protezionistiche, dalle incertezze geopolitiche e dalle vulnerabilità dei mercati emergenti. Senza fare accenno ai possibili effetti destabilizzanti per i mercati che rischia di avere il debito pubblico italiano, il numero uno della Bce ha ridimensionato le prospettive di crescita oltre il 2020 lasciando intuire, secondo la chiave di lettura di molti analisti, che i tassi rimarranno invariati almeno fino alla prima metà del prossimo anno. Draghi ha comunque escluso che nell’Eurozona “non ci sono rischi di deflazione” e che “vediamo scarsi rischi di recessione”. 

Porte aperte per un nuovo programma di Qe

Tuttavia non si può sottovalutare il fatto che lo stesso Draghi ha detto che, all’intero del consiglio direttivo, si è parlato di ‘quantitative easing’ e che un programma di Qe di dimensioni moderate rimane praticamente possibile. Veniamo alla congiuntura dell’Eurozona che, da una parte, vede la propria locomotiva, la Germania, rallentare vistosamente. Dall’altra, dopo avere raggiunto il picco a fine 2017, oggi di deve confrontare con diversi problemi, tra cui il protezionismo commerciale, i problemi del budget italiano e l'incertezza della Brexit: tutti fattori che giocano a favore di una politica monetaria accomodante.

A cura di: Fernando Mancini
Parole chiave: draghi, tassi, guerra, politica, accomodante
Come valuti questa notizia?
Tassi puntano al ribasso: su economia mondiale troppe incertezze Valutazione: 5/5
(basata su 1 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
I termometri del rischio
Notizia successiva »
Il mattone si conferma leader negli investimenti