Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Un futuro meno costoso per l’energia alternativa

12/06/2018

Un futuro meno costoso per l’energia alternativa

Gli analisti di Bloomberg prevedono che in un futuro non troppo lontano l’energia eolica e solare rappresenteranno circa il 48% della capacità installata e ammonteranno al 34% della produzione totale di energia elettrica, un enorme salto in avanti rispetto alla situazione attuale.

Eppure, dall'inizio del 2016 la quantità di denaro investita in energia rinnovabile a livello globale è diminuita, un dato che appare in controtendenza se si considera la solida crescita del settore e i piani per il futuro. Quali sono, quindi, le cause di questo calo degli investimenti? Stranamente, ciò è dovuto ad un elemento che sta dietro al boom: un drastico calo dei costi. Dopo la crisi finanziaria, molti, tra cui noi, si sono stupiti del ritmo a cui l'energia eolica e quella solare sono diventate competitive in termini di costi. Lo scorso settembre, due progetti di energia eolica offshore con sede nel Regno Unito si sono aggiudicati contratti per 57,50 sterline per megawattora (MWh), posizionandoli tra gli impianti di produzione di energia elettrica più economici in Gran Bretagna.

Si prevede inoltre che tali costi diminuiranno ulteriormente. Le stime suggeriscono che il costo dell'elettricità prodotta dall'energia solare potrebbe diminuire di un ulteriore 66% entro il 2040, mentre quello dell'energia eolica prodotta offshore potrebbe diminuire del 71%. In prospettiva, alcuni analisti del settore stanno andando oltre lo scenario di una produzione energetica limitata con prezzi in aumento, per passare a quello di fonti energetiche potenzialmente abbondanti, a buon mercato e pulite. La previsione potrebbe senz'altro avvalorare gli argomenti commerciali a favore degli investimenti nell'efficienza energetica. Ma questa è solo una delle numerose e notevoli conseguenze che si prospettano a livello di investimenti.

Quali sono le conseguenze sul piano delle opportunità per gli investitori?

Il calo dei costi nel settore delle energie rinnovabili è il segnale di un'industria in rapida maturazione, in grado di sviluppare progetti a prezzi competitivi e sempre più spesso senza sovvenzioni: in tal modo, si crea un ambiente fertile per gli investimenti, attirando risorse da parte di grandi gruppi di investitori e di sviluppatori ambiziosi. Il team di Jupiter Am ritiene che per un investitore di lungo periodo sia fondamentale capire se il clima di concorrenza tra gruppi di sviluppatori di progetti e società di rinnovabili rimarrà sano, riducendo i costi dei progetti ed espandendo il mercato delle energie rinnovabili, ma mantenendo al contempo margini interessanti per gli investitori azionari.

Ad esempio, il settore delle tecnologie delle energie eolica e solare è già stato soggetto a un processo di riorganizzazione in seguito al crollo dei finanziamenti e dei prezzi dei progetti dopo la crisi. A dominare il settore eolico onshore è oggi un numero abbastanza limitato di operatori di rilievo con una programmazione di progetti sul lungo termine, mentre il settore offshore è capeggiato solo da due competitor. Nel frattempo, il ricorso a gare d'appalto pubbliche per la capacità energetica ha portato alla concorrenza tra diversi tipi di tecnologie rinnovabili, e non soltanto in opposizione ai combustibili fossili. Anche se questo ha senso dal punto di vista dei costi, la concorrenza tra energia eolica e solare ha provocato dei cambiamenti nei modelli di business. Vestas, ad esempio, si sta riposizionando come fornitore di soluzioni energetiche sostenibili anziché solo di tecnologie per l'energia eolica.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: energia, eolica, costi, investimenti
Come valuti questa notizia?
Un futuro meno costoso per l’energia alternativa Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Italia, qualche nube all'orizzonte
Notizia successiva »
In attesa della Fed
ARTICOLI CORRELATI
Presentazione di 8a+ Investimenti SGR pubblicato il 9 luglio 2018
Il boom degli investimenti in case vacanza pubblicato il 9 agosto 2018
Presentazione di Legg Mason Global Asset Management pubblicato il 11 giugno 2018
Presentazione di Etica Sgr pubblicato il 7 maggio 2018
Verso il ritorno dell’inflazione pubblicato il 13 marzo 2018