Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Inflazione e prezzi dell’energia si inseguono a vicenda

30/10/2018

Inflazione e prezzi dell’energia si inseguono a vicendaDi recente negli Usa abbiamo assistito a un notevole incremento dei costi dei trasporti, dovuto all’impennata dei prezzi dei carburanti, ma anche alla carenza di veicoli a disposizione per questo servizio.

Nel biennio 2015-2016 era vero il contrario, quando i prezzi dell’energia erano estremamente bassi, la ripresa dell’economia statunitense era in stallo e i costi del trasporto rappresentavano un forte deflatore dei prezzi al consumo in generale.

I prezzi di acciaio, alluminio e rame potrebbero contribuire a incrementare le pressioni inflazionistiche dovute alla crescente domanda proveniente dalla Cina, nel tentativo di stabilizzare l’economia attraverso le spese per le infrastrutture. I recenti dazi sull’importazione di acciaio e alluminio negli Usa si aggiungeranno alla pressione inflazionistica, poiché da un lato, i prodotti importati contribuiscono ad aumentare i prezzi delle importazioni e, dall’altro, si sostituiscono ai prodotti locali più costosi.

Per quanto riguarda l’Europa, il divario nella produzione è molto più vasto e di conseguenza, gli aumenti dei prezzi più significativi sono stati generati dal settore energetico. Quando si esclude l’energia, si nota nell’ultima rilevazione relativa all’area euro, che l’inflazione Cpi core è scesa allo 0,9% dall’1%, mentre l’indice dell’inflazione headline, che comprende l’energia, è salito al 2%, in linea con l’obiettivo della Bce.

I fondi che investono in oro e materie prime a livello globale hanno registrato deflussi netti quest’anno e riflettono la mancanza di interesse per l’acquisto di investimenti tradizionalmente ciclici e in settori specifici come l’acciaio, che soffrono di eccesso di offerta. Il livello di attività economica in Giappone, Cina e in Eurozona  nella prima metà di quest’anno è crollato e l’inflazione è stata favorevole. Potremmo assistere a una leggera ripresa dei prezzi dei metalli industriali per il settore edile, mentre il governo cinese sta aumentando le spese infrastrutturali per contrastare l’impatto negativo sulla crescita dei dazi statunitensi.

Il posizionamento degli investitori verso l’oro resta basso. Il metallo giallo, che è percepito come una delle migliori protezioni dall’inflazione, non sta ricevendo molta attenzione dagli investitori. E probabile che il recente afflusso verso le materie prime è più un riflesso di un miglioramento dei fondamentali. Negli ultimi anni, dopo la rivoluzione dello shale oil americano, abbiamo assistito a uno shock dell’offerta per cui gli Stati Uniti sono diventati autosufficienti nel soddisfare la richiesta del proprio mercato interno. Non si è mai verificato il meccanismo classico che prevede, in sequenza, un’economia in espansione, che equivale a livelli di produzione più alti, e una spinta sia delle commodity sia dei prezzi al consumo. 

L’ampia offerta di materie prime ha fatto sì che i prezzi di quest’ultime restassero bassi per molti anni in un contesto di mercati emergenti avviati su un percorso di deleveraging. Attualmente, i mercati delle materie prime stanno mostrando un maggior equilibrio tra la domanda globale e i livelli di offerta. Ciò è vero in particolare, sul fronte dell’energia, dove l’equilibrio è gestito con cura dall’Opec. L’attenzione si concentra sulla capacità inutilizzata residua e su alcuni Paesi che stanno temporaneamente facendo fronte a limitazioni dell’offerta, come Iran e Venezuela.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: energia, inflazione, materie prime, oro
Come valuti questa notizia?
Inflazione e prezzi dell’energia si inseguono a vicenda Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Usa, un sì dai profitti, un no dai mercati
Notizia successiva »
Crescita sotto attacco
ARTICOLI CORRELATI
Recessione: rischio allontanato da Fed e Bce più accomodanti pubblicato il 6 agosto 2019
Draghi rinvia i dettagli sulla prossima iniezione di liquidità pubblicato il 11 aprile 2019
Stati Uniti, condannati ai tassi bassi pubblicato il 1 aprile 2019
Emergenti, occhio all’Asia pubblicato il 15 marzo 2019
I termometri del rischio pubblicato il 13 giugno 2019