Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Dagli Usa un contesto ancora favorevole

03/12/2018

Dagli Usa un contesto ancora favorevoleSiamo ormai nel corso della fase rialzista più lunga della storia e abbiamo assistito a una ripresa alquanto prolungata; risulta pertanto evidente che il ciclo attuale si sta avvicinando alla fine.

Tuttavia, il team di Columbia Threadneedle non ritiene che tale fine sia imminente è sostiene invece che il ciclo stia stato allungato e riassettato da diversi fattori strutturali che hanno portato tassi di interesse bassi, poca inflazione e una crescita moderata. Alla vigilia del 2019, gli indicatori che monitoriamo quali possibili segnali precursori di una netta inversione di tendenza non sono ancora del tutto preoccupanti.

Secondo lo scenario di base messo a punto dal team di Columbia Threadneedle, nel corso del 2019 la crescita negli Stati Uniti dovrebbe moderare il passo con l'attenuarsi dell'impatto dovuto allo stimolo fiscale. L'inflazione dovrebbe restare sotto controllo e le valutazioni dovrebbero rimanere eque, creando un contesto ampiamente favorevole per gli investitori.

Il team si aspetta che i mercati azionari globali registrino progressi lievi ma positivi, che gli utili societari continuino a crescere, che l'atteggiamento delle aziende sia favorevole agli azionisti e che le valutazioni restino propizie.

Nei mercati azionari, vengono selezionate società che abbiano una struttura di capitale leggera e un rendimento elevato e che siano in grado di ampliare la propria quota di mercato e sostenere i prezzi. In un contesto caratterizzato dalla continua evoluzione delle catene del valore, dalla messa in discussione dei modelli di business tradizionali e dall'invecchiamento delle tecnologie, le aziende capaci di innovare dovrebbero continuare a crescere.

Benché il 2018 non sia stato un anno eccezionale per le obbligazioni, il 2019 potrà offrire risultati molto più interessanti agli investitori che sapranno destreggiarsi tra cicli di credito e politiche monetarie altamente divergenti. Il livello elevato di indebitamento tra le società statunitensi (rispetto a quelle europee) è fonte di preoccupazione, ma reputiamo che vi siano solide opportunità all'interno di specifici settori e regioni. In alcuni comparti, tra cui energia e telecomunicazioni, ma anche alimenti e bevande, diverse società sono impegnate a ridurre i livelli di indebitamento, che in passato erano stati aumentati.

Secondo il team, il debito sovrano dei mercati emergenti offre interessanti opportunità per il 2019 data la netta impennata dei rendimenti; ciononostante, gli investitori devono usare la dovuta cautela poiché vi saranno ampissime divergenze a livello geografico.

In linea generale, la preferenza va ancora alle azioni rispetto al reddito fisso, seppur in misura meno marcata rispetto al 2018.

Tuttavia, per investire efficacemente è fondamentale tenere in debita considerazione i rischi; a tale riguardo, nel 2019 verrà monitorato con attenzione la situazione negli Usa, dal momento che un eccesso di stimolo si tradurrebbe in un aumento dell'inflazione. I rendimenti potrebbero inoltre risentire delle guerre commerciali, di eventi geopolitici imprevisti e di qualsiasi ulteriore frammentazione dell'UE. Infine, tenuto conto del fatto che i governi, le aziende e i singoli individui sono altamente indebitati, occorre stare all'erta per cogliere eventuali segnali d'allarme a riguardo.

Complessivamente, Columbia Threadneedle stima una crescita economica nella media, che permetterà alle aziende di continuare a generare solidi profitti e accrescere gli utili. Ciononostante, è probabile che i maggiori beneficiari di tale contesto saranno gli azionisti più che gli investitori nel reddito fisso. Dal momento che le valutazioni sono giunte a valori equi, è probabile che, a parità di condizioni, la congiuntura favorevole già osservata nel 2018 prosegua anche nell'anno a venire.

Mentre negli Stati Uniti la crescita è destinata a moderare il passo nel 2019 con l'attenuarsi dell'impatto dovuto allo stimolo fiscale e l'aumento dei tassi ad opera della Fed, in linea con le aspettative del mercato (tenendo ancorata l'inflazione), il team prevede che l'espansione economica relativamente buona osservata in Europa continuerà il prossimo anno.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: stime, outlook, ciclo, crescita
Come valuti questa notizia?
Dagli Usa un contesto ancora favorevole Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Un futuro difficile
Notizia successiva »
Pace temporanea sui dazi tra Usa e Cina
ARTICOLI CORRELATI
Gli Em beneficeranno della sincronizzazione della crescita pubblicato il 10 dicembre 2018
Usa, le ragioni della Fed pubblicato il 2 novembre 2018
Outlook per le azioni dopo le elezioni di mid term pubblicato il 9 novembre 2018
Due strade per il dollaro nel 2019 pubblicato il 21 novembre 2018
Il rischio del rialzo dei tassi Usa pubblicato il 15 ottobre 2018