Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all'utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto "OK" ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Oro: molto vicino a quota 2.000 dollari

05/08/2020

Oro: molto vicino a quota 2.000 dollari

La corsa dell’oro continua senza soluzione di continuità: anzi, ha dato l’impressione di avere propellente per accelerare ulteriormente con l’avvicinarsi a quota di 2.000 dollari. In questi giorni, dopo avere stracciato il record segnato nel settembre 2011, ha spostato l’asticella del nuovo massimo assoluto a oltre 1.973 dollari. A dargli forza è un concorso di fattori che va dal quadro geopolitico mondiale a quello sanitario, dalle titubanze della congiuntura globale allo stress evidenziato da alcuni mercati finanziari e monetari. Un ‘motore’, a detta degli analisti, sufficiente a spingere il metallo giallo oltre la fatidica soglia dei 2.000 dollari/oncia già nel prossimo mese di settembre.

Il tonfo dei Treasury e le tensioni Cina-Usa

Sicuramente, affermano gli esperti, a suonare la carica dei prezzi dell’oro è stato il recente crollo dei rendimenti dei bond decennali statunitensi. I Treasury Usa, che rappresentano la cassaforte per molti investitori, sono infatti diventati meno remunerativi e per questo hanno visto nell’ultimo periodo molti deflussi a favore del metallo prezioso. L’ultima miccia è stata accesa invece dall’accresciuta tensione tra Stati Uniti e Cina: fattore che ha spinto molti investitori – nonostante il buon momento attraversato dai mercati finanziari - a cercare rifugio verso assett ritenuti più sicuri, appunto verso l’oro, rispetto agli incerti sviluppi del confronto Washington-Pechino.

Sempre presente il timore per la pandemia

Altro elemento che contribuisce al rally del metallo giallo è la pandemia da coronavirus, con il continuo aumento di contagi negli Stati Uniti, in America Latina e l’allarme per i nuovi focolai individuati in aree (come in Spagna e Germania) dove l’emergenza sanitaria era data per rientrata. È comprensibile la prudenza espressa in questo modo dagli investitori, alla luce delle perdite che hanno subito nei mesi di marzo e aprile, dopo la sbandata accusata dai mercati (soprattutto azionari) durante l’apice della crisi Covid-19. E questa zavorra, secondo gli analisti, continuerà a condizionare le loro scelte anche nel prossimo futuro, almeno fino a quando non sarà scoperto il vaccino.

Gli stimoli e il rischio inflazione

Il superamento di quota 2.000 dollari “sembra solo una questione di quando, non di se”, stima Barani Krishnan, senior commodities analyst di It.investing.com, secondo cui ad agevolare lo slancio del metallo c’è anche l’attesa di azioni di stimolo in tutto il mondo, dopo il piano di aiuti Ue da 750 miliardi e alla luce delle discussioni al Congresso Usa sul pacchetto Cares 4.0, che dovrebbe portare altri mille miliardi di dollari di aiuti. Una prospettiva che aprirebbe la porta all’inflazione, anche con la complicità della debolezza di fondo del dollaro (finora nascosta grazie alle tensioni Usa-Cina). Un rischio, quello dell’inflazione, che metterebbe altra benzina alla ‘corsa all’oro’.

Il motore degli Etf

La corsa dell’oro, che nel frattempo si è trascinato dietro tutti gli altri metalli preziosi (a cominciare dall’argento), è destinata a continuare fino al 2021. Gli esperti di Ubs hanno rivisto le aspettative di breve-termine indicando il superamento della soglia dei 2.000 dollari già in settembre. D’altronde la domanda sia di fisico (molto attive nell’ultimo periodo anche le Banche centrali) sia di derivati risulta essere molto vivace: secondo una stima, la domanda di Etf con sottostante oro in questa prima parte dell’anno sarebbe cresciuta del 25% a circa 25 miliardi di dollari, un record. Un’ottima descrizione di quello che sta avvenendo è quella di Johanna Kyrklund, chief investment officer and global head of multi-asset di Schroders, secondo cui “spesso l’oro viene descritto come una sorta di ‘hedge’, che protegge contro le perdite, ma oggi si sta invece comportando più come un asset rischioso, in modo molto simile all’azionario ad esempio”. L’oro – conclude – “è tra i principali beneficiari delle misure di supporto”.

A cura di: Fernando Mancini
Parole chiave: oro, inflazione, dollaro, treasury, cina
Come valuti questa notizia?
Oro: molto vicino a quota 2.000 dollari Valutazione: 4/5
(basata su 1 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Dollaro: la sua corsa sta per finire?
Notizia successiva »
Deloitte: impatto del Covid su Millennial e Gen Z
ARTICOLI CORRELATI
BlueBay: dollaro debole e rendimenti dei Paesi emergenti pubblicato il 19 settembre 2020
Dollaro: la sua corsa sta per finire? pubblicato il 4 agosto 2020
Cambio strategia FED: consentito sforamento 2 pct inflazione pubblicato il 4 settembre 2020
Fed: nessun rialzo dei tassi almeno fino al 2023 pubblicato il 23 settembre 2020
Bce: la ripresa è iniziata, ma le incertezze sono tante pubblicato il 6 agosto 2020