Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Scopri gratuitamente il nostro servizio

COMPILA IL MODULO PER ESSERE RICHIAMATO

Se sei interessato al nostro servizio lasciaci i tuoi dati. Un nostro operatore ti contatterà per fornirti gratuitamente e senza impegno tutte le informazioni relative a FondiOnline.it

DATI DI CONTATTO

* Nota: i campi indicati con l'asterisco sono obbligatori

INFORMAZIONI ADDIZIONALI

PRIVACY E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Il vero peso del debito cinese

05/03/2019

Il vero peso del debito cineseMolti indicano il ratio debito privato/Pil -attualmente al 160%- come una delle mine vaganti per il mercato finanziario cinese e, a catena, su quello globale. Breve excursus sui fattori che potrebbero mettere in discussione le opportunità offerte dall’equity cinese.

Il governo cinese sta cercando di assicurare solide opportunità di crescita interna e questo dovrebbe a sua volta contribuire a garantire il rimborso del debito. Molto è stato fatto per rendere le condizioni di finanziamento più restrittive e lo stesso governo cinese sta mantenendo una posizione finanziaria relativamente sana. 

Le principali minacce alla prosperità economica del Paese sono attualmente rappresentate da un ulteriore aumento dei dazi doganali statunitensi e da nuovi ostacoli agli scambi e agli investimenti con il resto del mondo. In particolare è possibile osservare livelli più elevati di coinvolgimento del governo negli affari, che potrebbero in ultima analisi distorcere le opportunità di crescita futura e/o ridurre i multipli di mercato. Tuttavia il governo sta anche attuando una riforma regolamentare che dovrebbe rivelarsi vantaggiosa nel lungo termine.

In tutti i casi, i problemi del debito della Cina sono diversi da molti altri Paesi. Il debito delle imprese rappresenta la maggior parte del debito della Repubblica Popolare. Il Paese è stato nel bel mezzo di un processo di riduzione del livello di indebitamento delle istituzioni finanziarie (deleveraging) mentre il governo ha represso l’accumulo di debito in eccesso. Ciò è stato evidente dal calo dei nuovi prestiti netti delle attività derivanti dallo shadow banking, dal 12% nel 2016-17 al -9% nel primo semestre del 2018. Il rallentamento della crescita del credito è strettamente legato al calo del Pil. 

Tuttavia, la sovrabbondanza di risparmi della Cina (47% del Pil nel 2018) e le buone capacità in materia fiscale forniscono al governo gli strumenti necessari per stimolare l’economia. Abbiamo anche osservato che il tasso annuo di variazione del debito della Cina ha iniziato a rallentare. Il Paese sta inoltre passando da un’economia di crescita orientata all’esportazione a un’economia guidata dai consumi e dai servizi. 

Mentre l’industria manifatturiera sta rallentando, il settore dei servizi continua a crescere e a sfruttare il momento. Vi sono prove sempre più evidenti del fatto che la Cina stia emergendo come un centro per l’innovazione tecnologica globale. Secondo CB Insights, Pechino ha creato un terzo dei nuovi “unicorni” a livello globale e si sta muovendo in maniera pionieristica nell’intelligenza artificiale, nella sharing economy e nel fintech.

Tornando al debito, gli esperti fanno notare come lo shadow banking è stato ridotto notevolmente durante gli ultimi anni. Il governo cinese è consapevole del problema e la struttura politica – un governo autoritario – ha molte più possibilità di intervenire in maniera diretta nell’economia.

Prosegue il ribilanciamento dell’economia verso una maggiore quota di domanda interna e servizi. Si tratta di una manovra complessa e delicata, ma l’urbanizzazione e la crescita della classe media dovrebbe continuare a dare sostegno a queste misure. Il timore del mercato sta rispecchiando l’incertezza globale e, naturalmente, una catena di eventi negativi, così come è successo durante la crisi finanziaria globale del 2007/2008, potrebbero chiaramente vanificare gli sforzi fatti dal governo cinese. La maggior parte degli esperti resta comunque positiva sull’attuale outlook globale, tenendo a mente che anche nel 2015 i mercati azionari provocavano le stesse paure. Timori che poi non si sono verificati.

A cura di: Rocki Gialanella
Parole chiave: cina, debito, pil, economia
Come valuti questa notizia?
Il vero peso del debito cinese Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all’interno della sezione “news” di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza. Lo scopo dei dati e delle informazioni divulgate attraverso la sezione “news” del sito è prettamente informativo; esse non rappresentano, in alcun modo, una sollecitazione all'investimento in strumenti finanziari.
« Notizia precedente
Shenzhen, il centro del lifestyle cinese
Notizia successiva »
Urban China
ARTICOLI CORRELATI
Tassi puntano al ribasso: su economia mondiale troppe incertezze pubblicato il 13 giugno 2019
L’Europa tra l’incudine e il martello nella guerra dei dazi pubblicato il 14 giugno 2019
Dietro la guerra dei dazi pubblicato il 20 maggio 2019
I mercati nelle mani di Trump pubblicato il 8 maggio 2019
Chi è a rischio nella guerra commerciale pubblicato il 13 maggio 2019